Giornata mondiale sul consumo di suolo, l’80% dei terreni agricoli è interessato da fenomeni erosivi

Oltre a una normativa stringente in termini di salvaguardia del suolo, anche i cittadini possono contribuire con corrette abitudini di smaltimento dei rifiuti, come la raccolta di rifiuti organici da trasformare in compost.

Ogni euro investito nel suolo permette di risparmiarne 30 di costi evitati. Questo è uno dei dati che emergono da “Il suolo italiano al tempo della crisi climatica”, un report presentato in occasione della Giornata mondiale del suolo 2023.
Secondo i numeri forniti dal documento prodotto da Re Soil Foundation in collaborazione con il Centro comune di ricerca della Commissione europea, il CREA, l’ISPRA, l’Università di Bologna, almeno l’80% dei terreni agricoli è interessato da fenomeni erosivi e nella maggior parte dei casi ha perso sostanza organica.

Oltre a offrire minori rese agricole, tali suoli hanno un minore potere di trattenere anidride carbonica. Fenomeni come la cementificazione, l’erosione, la desertificazione e la contaminazione da plastiche e metalli sono i principali colpevoli dell’impoverimento del suolo nel nostro Paese.

“L’idea – spiega Giulia Gregori, membro del Consiglio di amministrazione di Re Soil Foundation – è di lavorare o parlare non con gli esperti del settore, che già conoscono benissimo qual è la problematica, ma di dialogare insieme agli operatori dell’informazione e l’opinione pubblica per lavorare insieme a delle soluzioni di questo problema che riguarda tutti noi”.

Oltre a una normativa stringente in termini di salvaguardia del suolo, anche i cittadini possono contribuire con corrette abitudini di smaltimento dei rifiuti, come la raccolta di rifiuti organici da trasformare in compost.

Lo sforzo del cittadino è quello di essere consapevole della responsabilità che ha di fornire del materiale ben selezionato – esorta Maria Rao della Società Italiana Chimica Agraria – Il cittadino deve essere quindi consapevole e attento al momento della raccolta: come se dovesse fornire del materiale da mettere nel proprio vaso da dove raccoglierà poi la propria insalata”.