Attualità

GIORNATA MONDIALE SCIMPANZÈ, SALVAGUARDARE UNA SPECIE A RISCHIO DI ESTINZIONE

Condividi

Giornata Mondiale Scimpanzè. Il 14 luglio è il giorno scelto per promuovere la conservazione e la cura degli scimpanzé selvatici e di quelli in cattività, e per coinvolgere tutti in una rete collettiva per la salvaguardia di questi animali in pericolo di estinzione.

La Giornata Mondiale dello Scimpanzé vuole essere un’occasione per riflettere su questi animali, così simili a noi, e un’opportunità per aumentare la consapevolezza di tutti sull’importanza di preservarli, proteggerli e prendersene cura a livello mondiale, in natura e in cattività. Nel 2030 rimarrà solo il 10% dell’habitat naturale degli scimpanzé. In natura rimangono solo 350.000 scimpanzé.

Il giorno scelto per la Giornata Mondiale dello Scimpanzé (World Chimpanzee Day ) è il 14 Luglio, perché il 14 Luglio 1960 Jane Goodall mise piede per la prima volta in quello che oggi è il Parco Nazionale di Gombe per studiare gli scimpanzé selvatici.  “Più imparavo a conoscere gli scimpanzé e più mi rendevo conto di quanto siano simili a noi … Finalmente ci rendiamo conto di essere parte del regno animale e non separati da esso”, Jane Goodall.

Sessant’anni dopo Jane Goodall chiede al mondo di impegnarci nella difesa di queste creature e dell’ambiente in cui vivono. Le organizzazioni promotrici della Giornata Mondiale dello Scimpanzé mirano a responsabilizzare le comunità ovunque ad agire a nome degli scimpanzé per garantire a questa magnifica specie un futuro.

Il JGI Italia nell’occasione pubblica il censimento degli scimpanzé e delle scimmie antropomorfe nel nostro Paese, dove ci sono numerosi animali tenuti in cattività: ora ci sono 49 scimpanzé, di cui il più giovane ha appena un anno, il più vecchio è un maschio di 52 anni. Ci sono anche un gorilla e due oranghi. Gli scimpanzé provenienti da sequestri sono 23.

La Giornata Mondiale dello Scimpanzé vuole esortare tutti noi a fare pressione sulle Autorità per porre fine alle sofferenze degli scimpanzé in cattività, aumentando il loro benessere e i loro diritti. Inoltre chiede di sostenere le associazioni come il Jane Goodall Institute impegnate costantemente nella conservazione della specie e del suo habitat naturale.

 

(Visited 367 times, 3 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago