CronacaTerritorio

Giappone, continua la furia del tifone Hagibis: sale il bilancio delle vittime

Condividi

E’ cresciuto ad almeno 33 vittime il bilancio delle distruzioni e le vaste inondazioni causate dal tifone Hagibis, uno dei più potenti tifoni abbattutisi sul Giappone da decenni. Ecco le immagini choc di quello che sta succedendo.

Come riferiscono i media nipponici, almeno altre 19 persone risultano ancora disperse, mentre i feriti registrati sarebbero almeno 170. Le autorità temono che il numero dei morti possa crescere ancora.

Giappone, in arrivo il peggior tifone degli ultimi 60 anni VIDEO

Giappone, nuovo ministro ambiente: “Abolire il nucleare. Mai più disastri come Fukushima”

La tempesta, accompagnata da piogge di intensità senza precedenti, ha seminato morte e desolazione attraversando il Giappone centrale e orientale tra sabato notte e domenica mattina, lasciando case allagate, frane e fiumi traboccanti. “Il violento tifone ha causato immensi danni in lungo e in largo nel Giappone orientale“, ha riconosciuto, parlando con i giornalisti, il portavoce del governo Yoshihide Suga. E adesso il governo ha schierato 27.000 tra soldati e soccorritori per i soccorsi mentre si contano i danni.

Nucleare, il Giappone lancia nuove indagini sul disastro di Fukushima

Nella regione centrale di Nagano si sono verificate inondazioni particolarmente forti: tra l’altro, ha ceduto anche una diga, con le acque del fiume Chikuma che ha finito per allagare al primo piano le case di una zona residenziale.

A Kawagoe, a nord-ovest di Tokyo, i soccorsi hanno evacuato in barca un gruppo di anziani, alcuni su sedia a rotelle, da una casa di cura. Circa 7,3 milioni di giapponesi hanno ricevuto appelli di evacuazione non obbligatori in seguito alle fortissime precipitazioni. Diverse decine di migliaia di persone hanno seguito la raccomandazione rifugiandosi in palestre o vari centri polifunzionali nei quali sono stati forniti cibo, acqua e coperte.

Nucleare, il Giappone: “Dobbiamo gettare nell’oceano l’acqua radioattiva di Fukushima”

Solo il mese scorso il tifone Faxai aveva provocato il caos in alcune parti del Giappone, danneggiando 30.000 case, molte delle quali non sono state ancora riparate. Ma questo tifone rischia di fare danni ancora più seri!

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago