Il nuovo “bullet train” giapponese sarà più stabile, più resistente e avrà in dotazione batterie di emergenza in caso di terremoto o altri disastri naturali.


La Central Japan Railway Company (JR Central) ha lanciato un treno ad alta velocità di nuova concezione, dotato di funzioni speciali per proteggere meglio i passeggeri dalle catastrofi naturali.

Giappone, il dilemma del nucleare a nove anni da Fukushima

Il Giappone, una nazione insulare circondata da faglie sotterranee nel “Ring of Fire” del Pacifico, ha una storia di catastrofi naturali, in particolare terremoti, ma anche tifoni e inondazioni, e gran parte delle infrastrutture per la prevenzione e il recupero sono, a questo punto, insite nel tessuto della società.

N700 Supreme di JR Central è il primo nuovo modello di treno in 13 anni a percorrere a grande velocità lungo la linea Tokaido Shinkansen, che collega Tokyo a Osaka. Sposta i passeggeri a 300 miglia all’ora (300 km / h) e viene fornito con una varietà di funzioni accomodanti come prese di corrente tra i sedili, illuminazione interna diffusa, sedili reclinabili e poggiatesta, e migliori sospensioni e insonorizzazione per fornire una guida più silenziosa e stabile .

Hyperloop, il treno del futuro arriva in Italia. Gresta: “Sembrava fantascienza e ora diventa realtà”

Tuttavia, per i momenti in cui il lusso non è al centro dell’attenzione dei passeggeri, come durante un terremoto, il treno è dotato di una serie di batterie agli ioni di litio che gli permetterà di alimentarsi per un tempo sufficiente a raggiungere il punto di evacuazione più vicino lungo i binari dove i passeggeri possono scendere.

All’inizio di luglio si è tenuta alla stazione di Tokyo una cerimonia per il primo viaggio del treno N700S, con il presidente centrale JR Shin Kaneko tra i partecipanti.

L’N700S è “pieno di innovazioni tecnologiche”, ha affermato Kaneko.

 

Articolo precedenteAmazzonia, tra incendi e cambiamenti climatici: come la foresta sia ormai in un circolo vizioso
Articolo successivoSfera agricola, tutte le novità della serra idroponica più innovativa d’Italia