AnimaliAttualità

Giappone, ancora un altro massacro di delfini nella baia di Taiji VIDEO CHOC

Condividi

Le acque sono tornate a tingersi di rosso sangue nella baia giapponese di Taiji. Ecco le drammatiche immagini del massacro dei delfini pubblicate dalla Ric O’ Barry’s Dolphin Project.

Striped dolphin slaughter, Taiji, Japan from Dolphin Project on Vimeo.

Nonostante i continui controlli delle organizzazioni ambientaliste si è verificato un altro massacro dei delfini nella baia di Taiji in Giappone.

Durante la caccia i pescatori di Taiji sono riusciti ad intrappolare nella piccola baia 35 stenelle striate, appartenenti alla famiglia dei delfinidi, che, come dimostrano le terribili immagini pubblicate dal Ric O’ Barry’s Dolphin Project sulla pagina Facebook, non hanno potuto fare nulla per sfuggire al crudele massacro degli uomini.

Balene, ancora un’altra strage alle Isole Faroe. IMMAGINI CHOCH

Quel rosso sangue che tutto il mondo ha imparato a conoscere dopo l’uscita nel 2009 del docufilm The Cove che mostra la cruda realtà della caccia ai delfini fatta di stagione in stagione nella baia giapponese di Taiji.

Da dieci anni, volontari di associazioni e organizzazioni ambientaliste come la Ric O’ Barry’s Dolphin Project e Sea Shepherd, continuano a monitorare l’area per documentare quanto accade nella baia durante la stagione di caccia.

Delfini mutilati a causa dei pescherecci. Attivisti Sea Sheperd: “Fino a 10000 morti all’anno”

La maggior parte degli esemplari viene macellata in loco per utilizzare la carne a scopo alimentare, altri invece prelevati e venduti ad acquari e parchi marini.

Festival Gadhimai, quest’anno un massacro di 5.000 animali. Continuano le proteste

“È difficile dire ciò che abbiamo visto. Dopo che i mammiferi sono stati portati nella baia, alcuni hanno avuto attacchi di panico e nel tentativo di fuga si sono feriti”, scrive la Ric O’ Barry’s Dolphin Project.

Foto Credit: DolphinProject.com

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago