CronacaTerritorio

Giappone, in arrivo il peggior tifone degli ultimi 60 anni VIDEO

Condividi

Un tifone di potenza inaudita si sta spostando verso le coste del Giappone, mandando in fibrillazione il paese e causando la sospensione dei Mondiali di Rugby e del Gran Premio di Formula 1.


Un violentissimo tifone sta per colpire il Giappone, minacciando di colpire Tokyo con le piogge più intense e i venti più violenti degli ultimi 60 anni, costringendo il governo ad obbligare la chiusura dei negozi, delle fabbriche, delle metropolitane e a sospendere i Mondiali di Rugby (compresa la partita Italia – Nuova Zelanda) e il Gran Premio di Formula 1.

Il tifone Hagibis, che significa”velocità”nella lingua Tagalog, originaria delle Filippine, colpirà il Giappone nel corso del weekend, un mese esatto dopo che uno dei più forti tifoni degli ultimi anni ha distrutto 30mila case e lasciato al buio quasi tutto il paese.

Giappone, nuovo ministro ambiente: “Abolire il nucleare. Mai più disastri come Fukushima”

Questa tempesta potrebbe essere la più forte a colpire Tokyo dal 1958, e secondo la Japan Meteorologica Agency la popolazione si deve preparare anche al rischio tsunami.

 

Il Primo Ministro Shinzo Abe ha ordinato ai  suoi ministri di preparare tutto il necessario per assicurare la sicurezza della popolazione.

Le autorità hanno iniziato i piani di evacuazione per le aree particolarmente a rischio, compresa la città costiera di Shimoda, a 100 km sudest di Tokyo, secondo quello che riferisce la tv pubblica nazionale NHK.

La TEP (Tokyo Electric Power, la compagnia elettrica nazionale giapponese) ha assicurato che ci sono 17mila uomini pronti a intervenire in caso di blackout.

Nucleare, il Giappone: “Dobbiamo gettare nell’oceano l’acqua radioattiva di Fukushima”

I funzionari della regione di Chiba, prefettura est di Tokyo che il mese scorso è stata colpita duramente dal tifone Faxai, hanno avvisato gli abitanti di fare scorta di cibo ed acqua che possano durare almeno 3 giorni.

Alcuni supermercati sono rimasti a corto di acqua in bottiglia e di batterie, come dimostrano le foto postate su Twitter dagli abitanti della zona.

Più di 30mila case sono state distrutte dal tifone Faxay a Chiba lo scorso mese, e molte devono ancora essere riparate.

Gli organizzatori del Gran Premio del Giappone hanno cancellato le prove libere del venerdì e le qualificazioni del sabato, aggiungendo che il round di qualificazione verrà tenuto domenica prima della gara, naturalmente meteo permettendo.

Il tifone ha costretto anche alla cancellazione di due match della Coppa del Mondo di Rugby, tra cui Italia Nuova Zelanda, mentre il match della domenica tra Giappone e Scozia resta in forte dubbio.

Molti treni in partenza e provenienti dal Giappone sono stati cancellati, sia in partenza da Tokyo che da Osaka e Nagoya, i tre principali aeroporti del paese.

Gli operatori delle ferrovie hanno giàa detto che verranno sospesi i bullet train tra Tokyo e Nagoya; chiuse anche le line ferroviarie locali e le metropolitane.

Ambiente, DiCaprio e Momoa contro i leader politici: negano la scienza e la catastrofe climatica

Il picco della tempesta dovrebbe essere tra sabato e domenica sulle coste del Pacifico dell’isola di Honsu.

Il tifone Ida, conosciuto come il “il Tifone Kanogawa”, che è considerato il peggior tifone della storia del Giappone, uccise più di 1000 persone nel 1958.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago