Inquinamento

Germania, il governo approva il divieto sui prodotti in plastica monouso

Condividi

La Germania ha approvato il divieto sulla vendita di prodotti di plastica monouso; il divieto entrerà in vigore il 3 luglio 2021 e servirà a porre fine alla “cultura dell’usa e getta”.

La Germania sta per vietare la vendita di prodotti di plastica monouso come cannucce, posate, bicchieri e container, allineandosi con la direttiva dell’Unione Europea volta a ridurre l’ammontare di rifiuti di plastica che inquinano l’ambiente.

Inquinamento, il Kenya vieta la plastica monouso nelle riserve protette

Il divieto entrerà in vigore partire dal 3 luglio 2021. Secondo i dati della Federal Environmental Agency (UBA) la Germania ha prodotto 18.7 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica nel 2017. Oltre il 20% dei rifiuti raccolti nei parchi e nei luoghi pubblici è composto da plastica, principalmente container in polistirolo.

Regno Unito, rinviato il divieto sulla plastica monouso

Svenja Schulze, ministro dell’ambiente, ha spiegato che la decisione è parte degli sforzi per porre fine a quella che definisce “cultura dell’usa e getta”: “Molti prodotti di plastica monouso sono superflui e non sostenibili. Il divieto porterà presto a prodotti e soluzioni migliori, innovativi ed eco sostenibili. Dobbiamo abbandonare questa mentalità dell’usa e getta”. Il divieto rappresenta un passo importante nella lotta contro i rifiuti di plastica: “Troppo frequentemente la plastica finisce in mare o nell’ambiente”.

Antartide, tracce di microplastiche in un animale che vive in un isola remota del continente

 La plastica impiega decenni per degradarsi e le microplastiche ormai sono state trovate in tutti i tipi di esseri viventi, dai pesci agli uccelli e perfino negli insetti.

(Visited 120 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago