In Germania sono entrate in vigore le misure sulla protezione ambientale; tra queste un calo del prezzo dei biglietti dei treni per rendere i mezzi pubblici più accessibili.

Le tariffe per i treni che viaggiano su lunghe distanze in Germania sono scese per la prima volta in diciassette anni grazie all’entrata in vigore delle misure governative a protezione dell’ambiente. Le nuove misure mirano a rendere più accessibili i mezzi pubblici a discapito delle automobili. Gli utenti che viaggiano per oltre 50 km sul Deutsche Bahn’s Intercity Express potranno ottenere uno sconto del 10% sul prezzo intero del biglietto. La compagnia sta abbassando i costi anche delle offerte speciali e dei servizi aggiuntivi, come il trasporto delle biciclette. Il trend in Germania si oppone a quello del Regno Unito, dove milioni di viaggiatori saranno costretti a pagare un aumento del 2.7% del prezzo dei biglietti a partire dal 2 gennaio.

Clima, la Germania presenta il nuovo decreto. Proteste dagli ambientalisti “Non è abbastanza”

L’abbassamento del prezzo dei biglietti è stato possibile grazie al taglio dell’IVA sui biglietti ferroviari, che è scesa dal 19% al 7%. Secondo la compagnia il provvedimento porterà ad un aumento di cinque milioni di passeggeri l’anno. La più grande rete ferroviaria tedesca è in mano ad una compagnia privata, nella quale il governo tedesco funge da unico azionista. Inizialmente erano previsti dei piani per vendere il 49.9% della compagnia a privati ma vennero abbandonati con l’inizio della crisi finanziaria del 2008.

 

Inquinamento, la metro di Londra è la più pericolosa al mondo

Non tutti i biglietti saranno scontati nel 2020. I prezzi dei biglietti dei treni che viaggiano entro un numero ristretto di km e i prezzi dei trasporti pubblici in città come Berlino, Amburgo, Bremen, Brandeburgo e la Renania aumenteranno. I treni regionali nell’area di Bonn subiranno un aumento del 2.5% mentre a Berlino e Brandeburgo aumenteranno del 3.3% i costi di biglietti per tram e metro. Secondo i fornitori di trasporti pubblici i prezzi più alti sono dovuti ad un aumento degli stipendi e dei costi per il diesel e per l’elettricità e sono stati decisi prima dell’approvazione delle misure sulla protezione dell’ambiente.

 

Tassa sui voli, proposta di nove paesi europei per ridurre l’inquinamento

Articolo precedenteArmi nucleari in arrivo in Italia, la Difesa smentisce ma si costruiscono nuovi Hangar
Articolo successivoIndia, più investimenti nelle rinnovabili: 500 miliardi di dollari entro il 2030