Attualità

Germania, 650 positivi al Covid-19 in un mattatoio: chiuso l’impianto e le scuole nella Regione

Condividi

Un mattatoio in Germania è stato chiuso dopo 650 operatori sono risultati positivi al coronavirus. Gli altri addetti ai lavori sono stati messi in quarantena, in attesa dei test.

Migliaia di persone in Germania sono state messe in quarantena dopo la comparsa di un focolaio di coronavirus in un mattatoio. Più di 650 persone sono risultate positive al coronavirus in un impianto di Gutersloh, nell’area nordoccidentale del paese. Le attività nell’impianto sono state sospese.

Coronavirus, online la raccolta fondi italiana a favore delle popolazioni indigene dell’Amazzonia

Al momento i test sono stati condotti su più di 1,000 addetti ai lavori mentre agli altri è stato chiesto di mettersi in quarantena con le persone con cui sono entrate in contatto in attesa dei test. Un portavoce di Tonnies Group, la compagnia che opera nell’impianto, si è scusato a nome della compagnia. In risposta al focolaio, le autorità locali hanno chiuso le scuole e i centri per l’infanzia nella regione fino alla fine del mese. Le misure sono state accolte positivamente dalla cancelliera Angela Merkel.

Festival di Yulin, si terrà anche quest’anno in Cina il crudele massacro di cani e gatti?

La Germania è stata lodata a livello internazionale per la gestione della pandemia; nonostante abbia la maggior popolazione d’Europa, i decessi sono stati solamente 9,000. Mercoledì il governo ha annunciato l’estensione del divieto sui grandi eventi fino alla fine di ottobre.

Allevamenti intensivi, che impatto hanno sull’ambiente?

Non è il primo impianto di processamento della carne al centro delle polemiche. Il mese scorso, il governo ha vietato l’utilizzo dei lavoratori temporanei negli impianti a seguito dello scoppio di alcuni focolai a Münster e Coesfeld. Il problema ha riportato l’attenzione sulle scarse condizioni di lavoro del settore, con alcuni degli operai costretti a vivere in appartamenti condivisi. Anche alcuni impianti in altri paesi sono stati al centro delle polemiche; negli Stati Uniti alcuni lavoratori sono morti in seguito allo scoppio dei focolai in almeno due impianti.

(Visited 55 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago