L’iniziativa del Comune di Genova per incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico: mezzi gratis per i cittadini. Ecco tutte le modalità previste.

A Genova, per incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico, il Comune ha deciso di garantire determinati mezzi gratuiti per i cittadini. Dal 1° dicembre, e fino al 31 marzo 2022, tutti gli impianti verticali come gli ascensori gestiti dall’azienda di trasporto pubblico AMT, le funicolari Zecca-Righi e Sant’Anna e la cremagliera di Granarolo saranno gratuiti, senza alcun limite di orario. Un’iniziativa notevole, in una città dal territorio molto complesso dal punto di vista orografico. L’idea annunciata e promossa dal Comune di Genova è anche più ambiziosa.

L’idea del Comune di Genova è anche più ambiziosa. Negli orari non di punta (tutti i giorni dalle 10 alle 16 e dalle 20 alle 22) la metropolitana sarà gratuita. Tutti i costi, stimati in circa 600mila euro, saranno coperti da AMT. “Questo è un primo passo, l’auspicio è che alla fine della sperimentazione i risultati siano positivi e si possa ampliare il progetto” – ha spiegato il sindaco Marco Bucci – “Vogliamo seguire l’esempio di altre città europee e arrivare a un trasporto pubblico che si paghi tramite una tassa o tariffe fisse, come accade con l’acqua o con i contratti telefonici“.

Mobilità sostenibile, stop alle auto diesel e benzina dal 2035. Pecorario Scanio: “Ora si punti sulle rinnovabili”

Enrico Musso, coordinatore del piano di Mobilità sostenibile del Comune di Genova, ha dichiarato: “Vogliamo diminuire il trasporto privato e ridurre così le emissioni di CO2“. L’assessore alla Mobilità, Matteo Campora, ha invece spiegato: “Il nostro trasporto pubblico nei prossimi anni sarà sempre più sostenibile e full-electric, ma prima dobbiamo renderlo attrattivo per potenziali nuovi utenti“.

Articolo precedenteLuna, il Labrador che cerca i sopravvissuti nel disastro di Ravanusa
Articolo successivoCapone “No allo sciopero, mossa Cgil-Uil più politica che sindacale”