Scienza e Tecnologia

GENOA-ROMA 1-1 UDINESE-NAPOLI 0-1, PAGELLE, FOLLIA DE ROSSI 15 ESPULSIONE IN CARRIERA

Condividi

Roma. La Roma, reduce da cinque vittorie consecutive in campionato impatta a Marassi col Genoa di Ballardini. Finisce 1-1 con bella rete di El Sharaawy (59 st) che segna e esulta nello stadio che lo vide all’esordio in serie A nel 2008 prima di passare al Milan.

Poi quando la partita sembrava avviata sul binario di una vittoria giallorossa, seppur faticosa, davanti a un Genoa rigenerato da Ballardini (vittorioso all’esordio sul campo del Crotone), ecco la mossa vincente del neoallenatore rossoblu: toglieva l’evanescente Pandev, metteva l’ex milanista Lapadula che neanche 5 minuti, trova un contrasto in area con De Rossi che allargando le braccia gli affibbia un ceffone: calcio di rigore ed espulsione.

Come possa un giocatore del suo livello e della sua esperienza, commettere un gesto così inutile e plateale, potrebbe spiegarlo solo uno psicanalista.

De Rossi, ancora una volta ci ricasca. Dalla sua prima espulsione ufficiale, il 17 giugno 2006 ai Mondiali di Germania quando mollò una gomitata all’americano McBride beccandosi 4 giornate di squalifica (avrebbe giocato solo la finale contro i tedeschi!), l’attuale capitano giallorosso con questa di oggi arriva a 15 espulsioni in gare ufficiali.

Praticamente più di 1 espulsione l’anno!

Ancora una volta ha condannato la sua squadra ad un pareggio (Di Francesco: “Ci siamo pareggiati da soli!”) per poi ancora una volta richiedere scusa ai compagni e ai tifosi.

La Roma si riversava nella meta campo rossoblu rischiava di subire un altro gol da Lapadula.

Entrava anche Schik nel disperato tentativo e andava vicinissmo al gol con Perin che si immolava sulla linea di porta dopo una furibonda mischia.

Erano anche sfortunati i giallorossi al 85° quando dopo una bella triangolazione Nainggolan, Kolarov crossva al centro con Strootman che a colpo sicuro coglieva l’incrocio dei pali.

Il Genoa che non si è mai arreso, conquista meritatamente punto salvezza fondamentale.

Genoa – Roma 1-1 (diretta tv Sky e Mediaset Premium)

Reti El Sharaawy 59 st, Lapadula 70 (rig)

Espulso De Rossi al 69 st

 GENOA (3-5-2): Perin 7; Izzo 5, Spolli 5, Zukanovic 6; Rosi 6, Rigoni 6, Veloso6 , Bertolacci 5, Laxalt 6; Pandev 5, Taarabt 5; Lapadula 7 All.: Ballardini7.

ROMA (4-3-3): Alisson 6; Florenzi 6, Jesus 6.5, Fazio 5, Kolarov 6; Nainggolan 6, De Rossi 4, Strootman 6; El Shaarawy7, Dzeko 5, Perotti 5; Defrel 5, Shick Sv. All.: Di Francesco 6.

Udinese–Napoli  0-1 (diretta tv Sky e Mediaset Premium)

Col minimo sforzo il Napoli supera lo scoglio della trasferta alla Dacia Arena, battendo l’Udinese con gol di Jorginho dopo che Scuffet aveva parato il calcio di rigore tirato dall’italobrasiliano.

Il Napoli realizza una gara attenta, soprattutto in difesa e difende il minimo vantaggio senza grande affanno, ma diciamo anche che il tridente d’attacco realizza ben poco e il merito principale va a Maggio, sempre pronto in difesa, e propiziatore del rigore da cui è nata la vittoria partenopea

Ill Napoli di Sarri quindi col minimo sforzo si riprende il comando della classifica,scavalca l’Inter e allunga sulla Roma bloccata a Genova

Rete di Jorginho all 33° dopo aver sbagliato il calcio di rigore parato e non trattenuto da Scuffet

 UDINESE (3-5-1-1): Scuffet 7; Angella 5, Danilo 6, Samir 4; Widmer 6, Barak 5, Fofana 5, Balic 5, Adnan 6.5; De Paul 5; Perica 6 ; All.: Oddo 6.

NAPOLI (4-3-3): Reina 6; Maggio 7, Chiriches 6, Koulibaly 6, Hysaj 6.5; Allan 5, Jorginho 6.5, Hamsik 5; Callejon 5, Mertens 5, Insigne 5; Zielinski sv, Diawara Sv. All.: Sarri 6.

(Visited 288 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago