AnimaliGood News

Il gatto salvato dal tritarifiuti ora ha una nuova vita VIDEO

Condividi

Pochi metri e sarebbe finito triturato nel separatore di rifiuti. Ma grazie all’intervento di un operaio il micio è fortunato è stato salvato. Ora è stato adottato dal Ministro dell’Ambiente russo. 

Nell’impianto di smistamento dei rifiuti  LLC “Gorkomhoz” di Ulyanovsk, città situata a circa 700 km a sud est di Mosca, l’operario Mikhail Tukash ha salvato la vita ad un gatto bianco e nero: l’animale era rimasto chiuso in un sacco che era poi finito sul nastro trasportatore del tritarifiuti. La storia, avvenuta lo scorso 21 dicembre, è stata raccontata su mk.ru ed è diventata subito virale. 

Giornata del gatto, ecco la storia di Vituzzo il micio “bionico”

Mikhail Tukash ha subito capito che qualcosa non andava ed ha aperto il sacchetto con dentro il povero animale. La scena è stata filmata grazie alla presenza di telecamere di sorveglianza all’interno dello stabilimento: il video è stato poi messo online ed è subito diventato uno dei più guardati nei giorni scorsi. “Ho sentito qualcosa di morbido dentro il sacchetto. Ho tagliato leggermente il sacchetto e ho visto quei due occhi che mi guardavano“, ha dichiarato al tabloid l’operaio. 

Il salvataggio del gatto ha fatto ricevere un’onorificenza all’operaio. Dopo le prime cure veterinarie ed i dovuti controlli, il gatto è stato ritenuto fuori pericolo ed è stato adottato dal Ministro dell’ambiente russoGulnara Rakhmatulina. “Il gatto era vicino alla morte. Bastavano pochi metri e sarebbe finito triturato nel separatore di rifiuti“. ha detto il ministro. Il ministero ora ha lanciato un concorso a livello nazionale per sceglierne un nome per il gattone che da oggi inizierà una nuova vita.

Animali, il gatto Lady ha finalmente una casa grazie alle sue nuove orecchie

 

 

(Visited 59 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago