AnimaliAttualità

Gattina ferita con un fucile ad aria compressa, salvata dalla polizia municipale e dai veterinari

Condividi

Una storia agghiacciante, ma fortunatamente a lieto fine, quella di una gattina di pochi mesi colpita e ferita con un fucile ad aria compressa. È accaduto nel Comune di Castellammare del Golfo (Trapani).

Una gattina di pochi mesi colpita alla schiena da un proiettile sparato da un fucile ad aria compressa. Ferita e spaventata, con difficoltà a muoversi, si era rifugiata all’interno di una Smart, finendo intrappolata nella griglia anteriore. È accaduto a Castellammare del Golfo (Trapani), dove gli agenti della polizia municipale sono riusciti a liberarla e consegnandola alle cure veterinarie, decisive per salvare la vita del povero animale. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la segnalazione di un cittadino che aveva notato la gattina incastrata nella Smart.

Sardegna, tartaruga depone 98 uova: l’area delimitata e messa in sicurezza

La gattina è stata operata dal dottor Alessandro Gabellone, veterinario convenzionato con il Comune, che è riuscito a estrarre dalla schiena un piombino. L’amministrazione comunale ha ringraziato il cittadino, i vigili urbani (guidati dal comandante Osvaldo Busi) e il veterinario per i loro gesti, ma ha condannato duramente l’accaduto. “Un atto di crudeltà che ci lascia sbigottiti, la nostra comunità dice no a qualsiasi forma di violenza” – spiegano il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore alla polizia municipale, Vincenzo Abate – “Ricordiamo, a chi si è accanito in una sorta di tiro al bersaglio, che il maltrattamento di animali è un reato“.

La gattina, una volta salvata, sarà affidata alle cure di alcuni volontari. L’amministrazione comunale di Castellammare del Golfo ha però lanciato un monito: “Il gesto di insensibilità e ferocia inaudita non è solo un grave atto di violenza, crudeltà e inciviltà, ma anche un reato. Stiamo tenendo sotto controllo la zona in cui è stato recuperato l’animale nel tentativo di risalire a chi ha commesso un gesto così sadico“.
(Visited 30 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago