Games of Thrones, fan adottano cani husky. Ma cosa succederà ora che la serie finisce?

In Game of Thrones i metalupi sono interpretati da cani della razza Northern Inuit, un incrocio tra husky e pastore tedesco.  Non è una sorpresa che la gente ha iniziato a volere un metalupo con la crescente popolarità della serie.  Ma cosa succederà agli husky una volta finita?

Gli animali non hanno un ruolo importante nella famosa serie fantasy Game of Thrones: arrivano all’improvviso come enormi creature fantastiche generate in computer grafica come draghi e metalupi e poi svaniscono.

Circo, niente più animali nel Regno Unito. E in Italia?

I Draghi sono naturalmente roba per leggende e saghe fantasy. Ma i metalupi, enormi lupi capacI di sconfiggere decine di uomini, sono reali. O almeno lo erano una volta. Circa 300mila anni fa vagavano per le Americhe. I loro fossili sono sparsi per tutto il Nord e Sud America, dalle montagne della Virginia alla Strip di Las Vegas, fino in Messico e Bolivia.

Conosciuti scientificamente come CanisDirus, i metalupi non erano altro che enormi lupi grigi, dotati di un teschio e una mascella più grandi e quindi di un morso più potente. Cacciavano principalmente grandi mammiferi, come i bisonti, e si contendevano le prede con i predatori rivali del tempo, come le tigri dai denti a sciabola.

In Game of Thrones  i metalupi sono interpretati da cani della razza Northern Inuit (un incrocio tra husky e pastore tedesco,  selezionato specificatamente per farli somigliare ai lupi) e da un lupo artico (che interpreta Spettro, il metalupo albino di Jon Snow). Questi attori animali sono stati filmati in green screen, ingranditi del doppio per replicare le dimensioni dei metalupi  e inseriti nelle scene del telefilm, dove hanno servito come fedeli compagni la famiglia Stark durante le stagioni.

Animalisti in piazza per chiedere la riforma del Codice civile. “Da oggetti a soggetti”. VIDEO

Non è una sorpresa che la gente ha iniziato a volere un metalupo  o qualcosa di simile. Prendete l’husky siberiano. La loro folta pelliccia bianca e grigia, le orecchie appuntite e la somiglianza facciale con i lupi li rendono la razza più simile possibile ai metalupi della serie tv.

Gli husky sono una razza che richiede una cura e un’attenzione superiori rispetto alla media delle altre razze. Hanno un bisogno innato di correre molto. Sono molto difficili da addestrare e se non fanno almeno due ore di esercizio fisico possono diventare distruttivi, specialmente in ambienti chiusi.

Ma la gente ha continuato ad acquistarli e richiederli senza però fare un minimo di ricerca sulle necessità di questa razza, e questo spesso porta a uno scontro di stili di vita: gli husky diventano frustrati per la mancanza di esercizio fisico e di stimoli e i padroni non riescono a capire perché i loro cani si straniscono. Come risultato, moltissimi husky finiscono nei canili.

Al via la raccolta firme per dire “basta” agli animali allevati in gabbia

Gruppi di animalisti negli Stati Uniti e in Gran Bretagna denunciano un significativo aumento nel numero di husky abbandonati in cerca di casa sin dal 2011, anno in cui è andata in onda la prima stagione di Game of Thrones.

“I pochi che hanno addosso qualche tipo di identificazione quando arrivano ai canili  spesso hanno i nomi delle loro controparti in Game of Thrones, “ – spiega  Barbara Swanda,vicepresidente del Delaware Valley Siberian Husky Rescue – “come Spettro, Nymeria, Estate, Cagnaccio, Vento Grigio e Lady”.

Muratella, al canile la situazione è drammatica. Le associazioni scrivono alla sindaca Raggi

Questa situazione si sta ripetendo in tutti gli Stati Uniti e all’estero. Dog Trust, la più grande associazione per il recupero dei cani abbandonati del Regno Unito, ha segnalato che tra il 2010 e il 2018 il numero di husky abbandonati è aumentato del 420%. In una dichiarazione alla stampa il gruppo ha specificatamente attribuito questo aumento alla crescente popolarità di Game of Thrones.

Se pensate di voler adottare un husky, il consiglio e la speranza è che vi affidiate ad allevatori responsabili e magari eticamente certificati, ma soprattutto fate le vostre ricerche, studiate bene le necessità di questa razza e prendete in considerazione l’adozione solo ed esclusivamente se avete la possibilità di adempiere a tutte le richieste dei vostri futuri compagni animali.

Dopotutto la vita di un cane non dura solo 8 stagioni.

(Visited 96 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diventa Green!