AnimaliAttualità

Galapagos, ricompare una tartaruga estinta da 100 anni. La conferma del Ministro dell’Ambiente dell’Ecuador

Condividi

Si credeva estinta da oltre 100 anni ma è stata confermata la sua esistenza. La tartaruga gigante delle isole Galapagos continua a sopravvivere e rafforza la speranza di salvare questa specie.

Una tartaruga gigante che si credeva estinta da 100 anni sopravvive alle isole Galapagos. Lo ha confermato oggi il ministro dell’Ambiente dell’Ecuador, Gustavo Marique, al termine di analisi del DNA sull’esemplare, che era stato rivenuto nel 2019. “La credevamo estinta da oltre 100 anni! Abbiamo confermato la sua esistenza. La tartaruga della specie Chelonoidis phantasticus è stata scoperta alle Galapagos”, ha twittato Marique.

Giornata Mondiale delle Tartarughe, in un anno salvati 20 esemplari

La conferma è venuta dalla comparazione del DNA dell’animale trovato nel 2019 sull’isola di Fernandina con quello dell’ultimo esemplare della specie classificato alle Galapagos nel 1906. Gli esami sono stati effettuati da genetisti dell’Universita’ statunitense di Yale, che hanno prelevato il DNA della tartaruga creduta estinta e conservata dall’Accademia delle scienze della California. 

La Chelonoidis phantasticus, endemica di Fernandina, è una delle 15 specie di tartaruga gigante dell’arcipelago vulcanico, due delle quali estinte, la la Chelonoidis spp dell’isola di Santa Fe, e la Chelonoidis abigdoni dell’isola di Pinta. L’ultimo esemplare di quest’ultima specie, un maschio noto come “George il solitario”, era morto nel 2012 senza eredi, per essersi rifiutato di accoppiarsi con femmine di altre specie.

Galapagos, sequestrata valigia con 185 tartarughe bebè

Secondo il direttore del parco delle Galapagos, Danny Rueda, il ritrovamento della tartaruga Chelonoidis phantasticus “rafforza la speranza di salvare questa specie e di evitarle il destino di George il solitario“. Il governo dell’Ecuador allestira’ nei prossimi mesi una spedizione scientifica nell’isola di Fernandina, alla ricerca di altri eventuali esemplari. Quello ritrovato nel 2019, una femmina, era stata scoperta tra la vegetazione che ricopre i fianchi del vulcano La Cumbre, uno dei più attivi del pianeta. 

(Visited 38 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago