AnimaliAttualità

Galapagos, sequestrata valigia con 185 tartarughe bebè

Condividi

Sequestrata dai servizi di protezione della natura dell’Aeroporto delle Galapagos, in Ecuador, una valigia spedita senza passeggero all’interno della quale si trovavano 185 tartarughe bebè, dieci delle quali erano già morte perché inserite in una busta di plastica.

La scoperta, riporta il portale Primicias che ha dato per primo la notizia, è stata fatta nel momento in cui il bagaglio è passato sotto i raggi x del sistema di controllo aeroportuale che ha evidenziato l’irregolarità del suo contenuto.

Gli agenti del servizio di protezione hanno allora aperto la valigia ed estratto 185 esemplari di tartaruga terrestre di appena tre mesi di vita.

Il loro guscio era talmente tanto giovane che non è stato possibile determinare la specie degli esemplari.

Animali, da tutto il mondo arriva la richiesta: proteggete i delfini di Taranto

Le autorità stanno cercando di rintracciare il proprietario della valigia, il cui contenuto per la spedizione era stato definito come ‘Oggetti di ricordo‘.

Intanto, Polizia e Procura hanno disposto il fermo dei trasportatori che avevano trasferito il bagaglio da Puerto Ayora fino allo scalo internazionale di Baltra, in attesa di sviluppi sul responsabile dell’operazione illecita.

Il ministro dell’Ambiente ecuadoriano Marcelo Mata ha condannato via Twitter il “tentativo di reato a danno della fauna silvestre e del patrimonio ambientale degli ecuadoriani”.

Isola del Giglio, animalisti contro Ente Parco: stop all’abbattimento dei mufloni

I responsabili, secondo la legislazione ecuadoriana che è ancora più dura in caso di specie in via di estinzione, rischiano la detenzione da uno e tre anni.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago