AttualitàEconomiaPolitica

G20, approvato il comunicato sull’Ambiente. Pecoraro Scanio: “Rischio fallimento”

Condividi

G20 Clima, Ambiente ed Energia: nella prima giornata di incontri a Napoli, e dopo settimane di negoziati, è stato approvato il primo comunicato sull’Ambiente. Il MiTe celebra il risultato raggiunto, ma Alfonso Pecoraro Scanio è critico: “Rischio fallimento”.

G20 Clima, Ambiente ed Energia: nella prima giornata di incontri a Napoli, e dopo settimane di negoziati, è stato approvato il primo comunicato G20 Ambiente. Lo ha annunciato il Ministero della Transizione ecologica. “Dopo mesi di preparazione, settimane di negoziato e una no stop di due giorni, è stato approvato il comunicato G20 Ambiente, il primo della due giorni napoletana” – si legge nel comunicato del MiTe – “Grande gioia da parte di tutti i delegati dei venti e più Paesi che hanno preso parte ai lavori nella cornice di Palazzo Reale e da remoto“.

G20 clima, ambiente ed energia: il primo incontro di Cingolani con John Kerry

 

Il ministro Roberto Cingolani ha poi parlato, in conferenza stampa, del risultato raggiunto. “Il comunicato è particolarmente ambizioso e individua 10 linee di intervento che riflettono la visione del Pnrr italiano: soluzioni naturali per il clima, lotta al degrado del suolo, sicurezza alimentare, uso sostenibile dell’acqua, tutela degli oceani, lotta alla plastica in mare, uso sostenibile e circolare delle risorse, città sostenibili, educazione, finanza verde” – spiega il titolare del MiTe – “Per la prima volta, tutte queste categorie vengono riconosciute dal G20 e diventano vincolanti“.

 

Di diverso avviso, però, è Alfonso Pecoraro Scanio, che ammonisce: “Questo G20 rischia un clamoroso fallimento“. L’ex ministro dell’Ambiente e presidente della Fondazione Univerde è molto critico: “Il governo che si autodefinisce ambientalista alla vigilia dell’avvio del G20 Clima e Energia rilancia le trivellazioni petrolifere invece di puntare tutto su rinnovabili e stop ai fossili. Hanno ragione i giovani a denunciare una crescente delusione“. L’esponente dei Verdi, che ha partecipato al convegno ‘Food for Earth’ a Napoli, rincara poi la dose: “Si continua con le promesse per il futuro e l’ignavia di un presente senza coraggio e coerenza. La vera Transizione Ecologica deve scontentare qualcuno o sarà Finzione Ecologica. Confido in un drastico cambio di rotta. Basta fake green“.

(Visited 39 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago