AttualitàEconomiaPolitica

G20, l’appello dei leader cattolici: “Consegnare i combustibili fossili alla storia”

Condividi

Una lettera sottoscritta dai leader cattolici di tutto il mondo lancia un appello ai Paesi del G20. “I combustibili fossili vanno consegnati alla storia”, si legge nel lungo appello a cui hanno aderito anche sette vescovi italiani.

I leader cattolici si mobilitano ed esortano i Paesi del G20 ad abbandonare per sempre l’energia fossile. In vista del vertice di Roma del 30 e 31 ottobre, importanti esponenti del mondo cattolico hanno chiesto di “consegnare i combustibili fossili alla storia“. Nell’appello, che segue la dichiarazione congiunta di Papa Francesco e di altri leader religiosi, viene chiesta un’azione urgente per proteggere “la nostra Casa comune” e combattere la crisi climatica con un cambiamento sistematico dei nostri comportamenti e con una radicale transizione energetica.

Ambiente, il nuovo monito del Papa: “Dobbiamo salvarlo, è suicida dire che si è sempre fatto così”

All’appello hanno aderito anche sette vescovi italiani. “Le voci delle comunità con cui lavoriamo risuonano. Il cambiamento climatico è realtà e sta colpendo i nostri fratelli e sorelle in tutto il mondo, in particolare quelli delle aree più povere e vulnerabili al clima, che meno hanno contribuito a questo problema” – si legge nella lettera – “Vediamo siccità e inondazioni sempre più gravi e frequenti, perdita di raccolti e distruzione di terreni. Non possiamo e non dobbiamo essere tranquilli di fronte a tale sofferenza e ingiustizia“.

Cop26, Papa Francesco: “Crisi senza precedenti, servono risposte efficaci e le fedi possono contribuire”

L’appello è stato condiviso anche da monsignor Luigi Bressan, arcivescovo emerito di Trento: “Il nostro dovere morale è indiscutibile, le economie avanzate devono agire per prime per affrontare il cambiamento climatico e per proteggere le generazioni attuali e future, oltre alla nostra Casa comune. Dobbiamo affrontare la nostra responsabilità storica e agire con giustizia, in solidarietà con le nostre sorelle e fratelli, nei nostri paesi e in tutto il mondo. Dobbiamo agire ora“.

Clima, Papa Francesco: “Dobbiamo pregare e agire per la nostra casa comune”

Ivana Borsotto, presidente della Federazione Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario (Focsiv), ha rilanciato l’appello dei leader cattolici. “Le organizzazioni cristiane di volontariato internazionale ogni giorno sono impegnate con le comunità del Sud nel difendere la Terra e la dignità della vita, chiedendo che i principali responsabili delle emissioni di CO2 la smettano con i combustibili fossili. Consegnare i combustibili fossili alla storia è un’azione di giustizia climatica, e anche l’Italia nel G20 deve fare la sua parte“, spiega Borsotto.

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago