G20 Agricoltura, maggiore trasparenza e un migliore bilanciamento nella catena alimentare

G20 Agricoltura. Conclusa la sessione Ministeriale G20 dell’ agricoltura a Niigata in Giappone, alla quale hanno preso parte, sotto la presidenza giapponese, i Ministri dell’agricoltura dei Paesi del G20, unitamente alle organizzazioni internazionali attive nel campo agricolo ed alimentare e alcuni Paesi come osservatori.

La Dichiarazione comune, adottata al termine dei lavori – afferma una nota del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo – “ha evidenziato alcune tematiche di particolare interesse tra cui l’importanza di una maggiore trasparenza e un migliore bilanciamento nella food chain, ovvero la catena alimentare, quest’ultima necessaria per rafforzare la posizione degli agricoltori e migliorare il reddito e la competitività delle loro aziende”.

Agricoltura, Viminale e Agea firmano convenzione per certificazione antimafia

La Dichiarazione comune ha poi evidenziato il contributo che le tecnologie informatiche possono offrire ad un’efficace gestione sostenibile delle aziende agricole, il ruolo centrale che può svolgere il turismo per la vitalità delle aree rurali e nell’aumentare il valore aggiunto delle produzioni agricole attraverso la promozione delle produzioni locali.

“Inoltre – rileva il Mipaaft – “si porteranno avanti gli sforzi per alleviare la fame nel mondo e la malnutrizione, aumentare la food security e lottare contro gli sprechi e le eccedenze alimentari”.

Agricoltura, dall’Ue un pacchetto di prestiti per i giovani agricoltori

Nell’ambito della Ministeriale G20 il Ministro delle Politiche Agricole, Gian Marco Centinaio, ha partecipato alla sessione “Verso un settore agroalimentare sostenibile: problemi emergenti e buone pratiche”, che si è chiusa con una dichiarazione congiunta che ha evidenziato alcune tematiche di particolare interesse tra cui:

  • l’importanza di una maggiore trasparenza e di un migliore bilanciamento nella catena alimentare;
  • il contributo delle tecnologie informatiche per un’efficace e sostenibile gestione delle aziende agricole;
  • il ruolo del turismo per la vitalità delle aree rurali.

Inoltre, si porteranno avanti gli sforzi per alleviare la fame nel mondo e la malnutrizione, aumentare la sicurezza alimentare e lottare contro gli sprechi e le eccedenze alimentari.

Il ministro Centinaio ha poi preso parte alla sessione di lavoro sulla valorizzazione della catena alimentare, durante il quale ha avuto modo di parlare con il segretario all’Agricoltura degli Stati Uniti, Sonny Perdue; il viceministro dell’Agricoltura della Federazione Russa, Sergej Levin; il ministro dell’Agricoltura della Cina, Han Changfu, e il suo vice, Qu Dongyu, candidato alla direzione generale della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.

Agricoltura biologica, cosa prevede il provvedimento all’esame del Senato

Nell’incontro con Levin Centinaio ha dichiarato di voler rilanciare le trattative per finalizzare il memorandum di collaborazione in campo fitosanitario, la tutela delle indicazioni geografiche e la lotta alla contraffazione e intensificare gli scambi commerciali e ha auspicato un allentamento dell’embargo russo sui prodotti agroalimentari europei. Nell’incontro con Han sono stati discussi vari temi: apertura del mercato (questioni fitosanitarie), trasformazioni alimentari, tecnologia, macchinari.

(Visited 34 times, 1 visits today)

Leggi anche

Call Now ButtonDiventa Green!