Nuovo allarme a Fukushima, a causa delle temperature più elevate rispetto alla media nella zona della centrale nucleare. Ecco cosa sta succedendo.

Nuovo allarme a Fukushima, a causa delle temperature più elevate rispetto alla media nella zona della centrale nucleare. Da oltre due mesi, infatti, le temperature, al di sopra della soglia di congelamento, stanno sciogliendo il muro di ghiaccio che impedisce all’acqua radioattiva di contaminare il resto del sito.

Fukushima, il Giappone ribadisce: “L’acqua contaminata sarà rilasciata nel Pacifico”

Per questo motivo la Tepco, l’azienda che gestisce la centrale di Daichii, ha annunciato nuovi lavori di manutenzione che partiranno dalla prossima settimana. Questo, però, non annulla del tutto il rischio di contaminare le acque presenti nelle falde né di far finire le sostanze radioattive nel Pacifico.

Fukushima, l’allarme degli agricoltori per lo sversamento dell’acqua contaminata: “Stroncherà il nostro settore”

Lo aveva ammesso la stessa Tepco nel luglio 2016, quando la barriera di ghiaccio era in funzione da circa cinque mesi. Gli stessi esperti incaricati dal governo giapponese, nel 2018, in una relazione avevano confermato che la barriera di ghiaccio risolve il problema solo a metà.

Articolo precedenteGreen Friday, l’alternativa sostenibile per dire no al Black Friday
Articolo successivoJova Beach Party 2022, le associazioni di tutela del fratino: “Non permettete quei concerti”