Salute

Frosta, la nuova sfida alla ricerca delle diverse varietà di pescato sostenibile

Condividi

FRoSTA presenta le ultime proposte che mirano a incentivare la scoperta di sapori nuovi grazie all’impegno di MSC. Ecco anche alcune ricette sfiziose con cui abbinare il merluzzo. 

L’impegno di FRoSTA nel coniugare gusto e sostenibilità continua, su diversi fronti: dal sostegno alle attività di salvaguardia e attenzione ambientale, anche al fianco di Legambiente, ai prodotti che vengono proposti nel banco surgelati, tra cui i filetti di pesce FRoSTA che premiano il gusto e la biodiversità, e che provengono da metodi di pesca sostenibile certificata MSC.

È proprio nel banco dei surgelati che FRoSTA presenta le ultime proposte che mirano a incentivare la scoperta di sapori nuovi, proponendo diverse varietà di pesce, dalle caratteristiche organolettiche specifiche e uniche. Ad esempio, se noi tutti pensiamo che esista solo una tipologia di Merluzzo, ci sbagliamo di grosso, e la nuova gamma di Merluzzi FRoSTA ne è una prova.

Surgelati, arriva il packaging sostenibile: Italia primo paese a lanciarlo sul mercato

IL MERLUZZO MSC FRoSTA
Infatti, con il nome generico di Merluzzo si indicano numerose specie di pesci, tutti appartenenti alla stessa famiglia ma dal sapore, dalla consistenza e dall’intensità di colore diversa. FRoSTA con la nuova gamma di Merluzzi Msc si fa portatrice di un’innovazione nel mondo dei surgelati che nei prodotti freschi è già iniziata: la valorizzazione della
biodiversità che si traduce, sulle nostre tavole, nella possibilità di scoprire e assaporare nuovi sapori, tutti provenienti da pesca sostenibile.

La nuova gamma di Merluzzi Msc è stata creata proprio lavorando in questa direzione. Tra questi, il Merluzzo Carbonaro è pescato in modo sostenibile nell’Oceano Atlantico, nelle acque selvagge ed incontaminate davanti alla Norvegia. È una carne caratterizzata dal sapore deciso ed avvolgente e dal colore del corpo verde scuro, tanto da essere chiamato anche merluzzo nero. Invece, il Merluzzo dell’Alaska, si presta a svariate ricette ed è ottimo anche al naturale, grazie al suo sapore delicato ed equilibrato, dovuto alla crescita allo stato brado nelle aree nord-orientali e nord-occidentali dell’Oceano Pacifico (precisamente nel Mare di Ochotsk) e lavorato secondo le linee guida MSC.

Il Merluzzo Nordico (Gadus morhua) vive nelle acque fredde e pescose dell’Oceano Atlantico settentrionale. È una carne dal sapore delicato, di un pesce nato e cresciuto nei mari della Norvegia, dove le correnti artiche rendono dura la vita dell’uomo, ma mantengono l’itticoltura pura e inalterata. È tra le varietà più pregiate per via della carne bianca, quasi argentea sul dorso, dal sapore delicato, perfetta da gustare al naturale. In alternativa c’è anche la sfiziosa cotoletta con una dorata e croccante panatura 100% naturale.

Aziende e sostenibilità, l’impegno di FRoSTA Italia per ridurre l’impatto ambientale

IMPEGNO SOSTENIBILE
Il pescato di FRoSTA è completamente sostenibile. FRoSTA, infatti, utilizza esclusivamente metodi di allevamento e pesca responsabile, che tutelano l’ecosistema marino, dando la possibilità e il tempo agli stock ittici di ripopolarsi.
Sin dall’etichetta sul prodotto il consumatore trova tutte le informazioni sull’origine del pesce: la zona di pesca, il metodo di produzione e perfino l’attrezzo di pesca.

Ad oggi FRoSTA è l’unica società in Italia a poter vantare la certificazione MSC (Marine Stewardship Council) e ASC (Aquaculture Stewardship Council) su tutta la gamma di prodotti. MSC è un’organizzazione no-profit indipendente con un programma di certificazione ecolabel di pesca, che verifica il rispetto di pratiche ecosostenibili, assegnando un marchio blu MSC ecolabel a chi rispetta i criteri di valutazione. Lo standard di pesca MSC si basa su principi fondamentali che pensano al futuro del mare, perché nell’oceano ci siano abbastanza pesci e lo stock possa riprodursi rendendo la pesca ancora possibile, ma anche per ridurre al minimo l’impatto ambientale, tutelando l’habitat marino e garantendo che la pesca sia gestita in modo responsabile.

VERSO UNA CATENA DEL FREDDO SOSTENIBILE
Anche nel percorso che va dal mare al banco freezer, FRoSTA è coerente nel suo rispetto per l’ambiente e le persone. La catena del freddo, fondamentale per il controllo della temperatura dei cibi e per la salubrità dei surgelati, viene tutelata in tutti i passaggi, dal produttore al consumatore. Al tempo stesso FRoSTA si impegna a rendere la catena del freddo la più sostenibile possibile dal momento che produrre cibo surgelato produce emissioni di CO2. Per questo ha adottato sistemi di raffreddamento con recupero di calore; impianti di biogas che riciclano subito i
rifiuti vegetali; depositi di celle frigorifere alimentati da impianti fotovoltaici. Il tutto per realizzare un grande obiettivo aziendale: ridurre del 7% l’impronta di carbonio entro il 2022. Un impegno concreto, iniziato nel 2008, che negli ultimi 12 anni ci ha già portato a ridurre del 30% le emissioni.

RICETTE

Filetti di merluzzo alla pizzaiola FRoSTA

Ingredienti

  • Filetti di merluzzo FRoSTA
  • Pomodori pelati 250 g
  • Olive nere q.b.
  • Capperi dissalati1 cucchiaio
  • Olio extravergine di oliva
  • Aglio1 spicchio
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Origano secco q.b.

Preparazione

Per cucinare i filetti di merluzzo alla pizzaiola cominciate con il preparare il condimento. Quindi, prendete un tegame e fate soffriggere al suo interno dell’olio extravergine di oliva con uno spicchio di aglio, i capperi dissalati e le olive nere. Dopo alcuni minuti, versate i pomodori pelati e mescola il tutto. Inoltre, ricordatevi di schiacciare i pomodori con una forchetta per farli cuocere meglio e ricavare più sugo.

Continuate con il cuocere il sugo a fiamma medio/bassa. Una volta che sarà pronto aggiungete i filetti di merluzzo FRoSTA, l’origano secco ed un pizzico di sale. Quindi, lasciate cuocere i filetti di merluzzo per circa 10/12 minuti, voltandoli una sola volta aiutandovi con una larga paletta per non romperli. Quando saranno pronti per essere serviti, se di tuo gradimento, impiattate il merluzzo alla pizzaiola con un altro po’ di origano.

 

Fish and chips FRoSTA

Il fish and chips è un piatto tipico della cucina britannica, che richiama le magiche atmosfere di strade, pub e mercatini del centro di Londra. Consiste in filetti di pesce bianco, solitamente filetti di merluzzo, fritti in pastella e attorniati da abbondanti e spesse chips, patatine tagliate a bastoncino anch’esse fritte. Inizialmente presente solo nei paesi culturalmente legati alla Gran Bretagna, con il tempo si è diffuso in tutto il mondo.

Il fish and chips è uno sfizio da concedersi con moderazione e in compagnia, per una cena informale. La particolarità di questo piatto sta soprattutto nella pastella. Ogni contea inglese ha le sue regole e i suoi segreti tramandati da generazioni. C’è anche chi utilizza tra gli ingredienti la birra per dare alla pastella maggior croccantezza e un colore più intenso, come nella ricetta che qui ti proponiamo.

Ingredienti x 2 persone

  • 4 filetti di merluzzo Carbonaro FRoSTA
  • 500 gr di patate
  • Sale
  • Olio di semi di arachidi

Per la pastella

  • 100 gr di farina 00
  • 110 ml di birra
  • 1 cucchiaino di sale
  • Un pizzico di bicarbonato di sodio 4 gr

Preparazione

Per realizzare un gustosissimo fish and chips, comincia a prepare la pastella mescolando, in una ciotola, la farina, il sale ed il bicarbonato di sodio. Quindi, versa a poco a poco la birra continuando a mescolare finché non avrai ottenuto la giusta consistenza. Poi copri la ciotola con della pellicola trasparente e falla riposare per circa 30 minuti. Nel frattempo lava le patate, sbucciale e tagliale a forma di bastoncini, cercando di realizzarli tutti della stessa grandezza. Poi, friggile in abbondate olio di semi di arachidi.

Dopo aver preparato le patatine, immergi i filetti di merluzzo nella pastella e friggili in abbondante olio di semi di arachidi per circa 2/3 minuti per lato. Ricorda che la temperatura dell’olio non deve essere eccessivamente altra durante la cottura del merluzzo per evitare che la pastella colori subito lasciando il merluzzo all’interno crudo. Quando il merluzzo sarà cotto, aggiungi le patatine un pizzico di sale e di pepe e, se di tuo gradimento, accompagnalo con le salse che più ti piacciono. Il tuo tradizionale fish and chips è pronto.

 

Insalata di merluzzo con patate e olive FRoSTA

Ingredienti

  • 4 Cuori di filetti di merluzzo d’Alaska
  • 3 patate
  • Olive
  • Cipolla
  • Limone
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Prezzemolo

Preparazione 

Per cominciare, prendete le patate e pelatele. Tagliatele, poi, a forma di cubetti e conservatele in una ciotola. Sbucciate la cipolla e tagliatella in pezzi grandi che utilizzerete per condire e insaporire la vostra insalata di merluzzo con patate e olive. Vediamo ora come cucinare il merluzzo surgelato. Quindi, prendete i Cuori di filetti di merluzzo d’Alaska e, ancora surgelati, poneteli in una pentola con abbondante acqua salata bollente. Contemporaneamente, in un’altra pentola lessate le patate precedentemente tagliate, aggiungendo un po’ di sale per insaporire. Quando saranno pronti, ponete i Cuori di filetti di merluzzo d’Alaska in una ciotola e tagliateli in pezzi non troppo piccoli. Aggiungete, quindi, le patate lessate, la cipolla e le olive e condite a piacere. Noi vi consigliamo di utilizzare sale, olio extra vergine d’oliva e un po’ di succo di limone. Infine, decorate con una spolverata di prezzemolo e servite.

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago