Territorio

FRODI ALIMENTARI, PUBBLICATO REPORT ICQRF. 54 MILA CONTROLLI E OLTRE 700 NOTIZIE DI REATO

Condividi

Frodi alimentari. 54 mila controlli, 561 interventi fuori dei confini nazionali e sul web, con un incremento (rispetto al 2017) del 90%.

Oltre 700 notizie di reato, più del doppio rispetto allo scorso anno.

Sono i numeri del Report 2018 dell’attività operativa dell’Ispettorato Centrale Repressione Frodi (Icqrf) del Ministero delle Politiche agricole (Mipaaft) con i dettagli sugli interventi contro frodi, fenomeni di italian sounding e contraffazioni ai danni del Made in Italy agroalimentare e dei consumatori, disponibile on line sul sito del Ministero.

“Il nostro sistema di controlli è riconosciuto tra i migliori al mondo – commenta il ministro delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio -il fatto che i nostri prodotti siano tra i più copiati vuol dire che a livello di storia, qualità e controlli siamo sopra la media mondiale”.

“Come Governo – aggiunge Centinaio – siamo in prima linea nel contrasto al fenomeno della contraffazione del made in Italy, lesivo dei diritti dei consumatori ma anche degli interessi economici dell’intera filiera agroalimentare”.

I risultati operativi dell’Icqrf, organo tecnico di controllo del Ministero, nonché autorità italiana per la protezione dei prodotti Dop e Igp, e tra le principali autorità antifrode nel food a livello mondiale, confermano la qualità del sistema dei controlli italiano.

Nel 2018 il settore agroalimentare si è confermato strategico per l’economa italiana con oltre 42 miliardi di euro di export e l’Icqrf, con la sua quotidiana azione a tutela del made in Italy, ha contribuito significativamente a mantenere alta la reputazione della qualità dei prodotti italiani.

“I risultati dell’Icqrf – conclude il Ministro Centinaio – dimostrano il nostro impegno. Per tutelare ancora di più le nostre produzioni abbiamo messo nella legge di bilancio nuove risorse e più ispettori antifrode: erano oltre 10 anni che non si investiva in modo così deciso nella protezione del made in Italy. La mia priorità è difendere gli agricoltori italiani e i consumatori”.

 

IL REPORT IN SINTESI
I risultati operativi del 2018 confermano la qualità del sistema dei controlli italiano e il posizionamento dell’ICQRF tra le principali Autorità antifrode nel food a livello mondiale

-I controlli antifrode sono stati 54.098, di cui 40.301 ispettivi e 13.797 analitici.

-Gli operatori ispezionati sono stati oltre 25.000 e i prodotti controllati circa 53.000.

-Le irregolarità rilevate hanno riguardato il 20,3% degli operatori, il 12,4% dei prodotti e 8,7% sono stati i campioni con esito analitico irregolare.

 

Il contrasto ai comportamenti criminosi nel settore agroalimentare è stato particolarmente intenso e anche nel 2018 ICQRF è stato protagonista delle più rilevanti operazioni di polizia giudiziaria in tale ambito.

Qualche dato:
– 721 le notizie di reato (+58% sul 2017) e 4.194 le contestazioni amministrative (+13%). Ad esse si aggiungono 2.629 diffide emesse nei confronti degli operatori;
– circa 17,6 milioni di kg di merce sequestrata per un valore dei sequestri di oltre 34 milioni di euro;
– 561 gli interventi fuori dei confini nazionali e sul web a tutela del Made in Italy agroalimentare (oltre 2.700 nel quadriennio), con un incremento sul 2017 di oltre il 90%.
A livello internazionale e sul web, l’attività dell’ICQRF di tutela del Made in Italy agroalimentare si conferma la più rilevante a livello europeo: su internet, in particolare, l’ICQRF ha consolidato la cooperazione con Alibaba ed eBay, sottoscrivendo nuovi protocolli d’intesa con le due piattaforme di e-commerce che hanno allargato sensibilmente la sfera di intervento dell’ICQRF sul web, , ed ha ottenuto risultati di rilievo anche su Amazon.

 

Scarica qui il ICQRF Report 2018

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago