AttualitàClimaGood NewsPolitica

Fridays for Future, confermato il nuovo sciopero globale per il clima del 24 settembre

Condividi

Fridays for Future, confermato il nuovo sciopero globale per il clima. Si terrà il 24 settembre, come anticipato qualche giorno fa da Greta Thunberg.

Fridays for Future, confermato il nuovo sciopero globale per il clima. Si terrà il prossimo 24 settembre, poco più di un mese prima dell’inizio della Cop26 di Glasgow. Greta Thunberg aveva già anticipato il nuovo sciopero, ma ora c’è la conferma ufficiale del network di studenti e attivisti per il clima.

La nostra lotta per una giustizia climatica, genuina e intersezionale, continua con un nuovo sciopero globale in vista della Cop26, con l’impatto disastroso della crisi climatica, l’ineguaglianza sui vaccini e molti altri problemi socio-economici e politici per tutti, ma soprattutto per le persone nelle aree più colpite e vulnerabili” – si legge nel post di Fridays for Future International – “Dobbiamo restare uniti più che mai per enfatizzare l’attuale crisi climatica e chiedere ai leader mondiali di prendere azioni concrete. L’attuale sistema ha emarginato miliardi di persone in tutto il mondo, noi chiediamo di inserire i Paesi più vulnerabili al centro della lotta per una società che metta le persone e il pianeta al di sopra del profitto. La nostra lotta è per il presente e per il futuro“.

Anche in Italia si terranno gli scioperi per il clima. “Torniamo ad essere marea! Gli effetti della crisi climatica sono sempre più devastanti, il nostro presente e futuro bruciano e non possiamo stare fermi. Il 2021 non è un anno qualsiasi, in tutto il mondo creeremo un vero e proprio momento storico prima della Cop26, dando coraggio a chi dovrà prendere decisioni epocali e non più rimandabili per l’umanità. Facciamoci sentire!” – scrive Fridays for Future Italia – “Sappiamo che il momento migliore per agire sarebbe stato 30 anni fa, ma il secondo momento migliore è oggi. Una responsabilità, ma anche un’opportunità storica. Non risparmiare energie, dai il massimo questa volta, c’è bisogno di te! Tutto avverrà nel rispetto delle norme sanitarie“.

(Visited 74 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago