Roma

FRASCATI, 8 SETTEMBRE. 75° CELEBRAZIONE DEL BOMBARDAMENTO

Condividi

Frascati. 75 anni dopo, la ferita imposta a Frascati ancora non si richiude.
Il dramma improvviso che la piccola città ha dovuto vivere per mano dei neo alleati è costata caro.
Oltre 600 vittime ed oltre il 90% degli edifici distrutti o lesionati gravemente.
Oggi il monsignore don orlando Raggi ha voluto parlare di martiri. Civili inconsapevoli del destino che li attendeva alle 12.09 di quell’8 settembre 1943.
Il comando tedesco guidato dal generale del Mediterraneo il Field Maresciallo Kesselring.
Insediato a Frascati ha costretto gli americani ad utilizzare 130 bombardieri per radere al suolo il centro operativo tedesco del centro sud Italia che controllava anche operazioni in Africa.
Giorni drammatici che oggi sono stati rievocati dai testi scritti dal Prof. Alessio Legramante medico cardiochirurgo e poeta della città.
I testi interpretati dall’attore Andrea Giordana ha fatto rivivere quei momenti che bruciano ancora .
Il sindaco Roberto Mastrosanti ha voluto annunciare la volontà di far riconoscere a Frascati la medaglia d’oro al valore civile perché la città ha reagito con orgoglio al colpo inflitto e mentre il cuore era devastato per le perdite e la distruzione lo Spirito voleva ricostruire quello che oggi è Frascati.
Alla manifestazione di chiusura hanno partecipato i sindaci delle aree colpite nei 44 bombardamenti oltre a Marcello De Vito Presidente del Consiglio Comunale di Roma, il Vice Presidente dell’Europarlamento Fabio Massimo Castaldo; i senatori e deputati Bruno Astorre, Emanuele Dessì, Annamaria Parente e Maria Spena; il vice presidente Vicario del Consiglio Metropolitano di Roma Capitale Gemma Guerrini; i consiglieri regionali del Lazio Antonello Aurigemma, Laura Corrotti, Daniele Giannini, Marco Vincenzi e Marta Bonafoni

(Visited 175 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago