AnimaliAttualità

Svolta della Francia, stop animali al circo e divieto di vendita di cani e gatti nei negozi

Condividi

“Una svolta storica”, così viene definita l’approvazione del Parlamento francese del nuovo testo dedicato al benessere animale. Tante le novità introdotte, come l’inasprimento della pena per chi si macchia di reati contro gli animali, quali maltrattamento, abbandono e soppressione e che prevede sanzioni fino a 75mila euro e 5 anni di carcere.

“Inasprire le sanzioni nei casi di maltrattamento, fermare il traffico di animali selvatici e vietare la vendita di cani e gatti nei negozi – ha dichiarato l’ex ministro Christophe Castanerè necessario per meglio proteggere gli animali. Con la nostra legge, ha concluso, è stato fatto”.

Roma, la sfida del WWF: “Sia capitale europea della biodiversità”. La proposta rivolta al neosindaco Gualtieri

Le nuove misure entreranno in vigore gradualmente ma – come illustrato dalla grafica diffusa da ‘La Ligue des Animaux’, una delle associazioni ambientaliste più note del Paese transalpino – i punti chiave sono già stati espressi chiaramente.

“Il clima sta uccidendo le api”: in Francia mai così poco miele prodotto

Tra i punti chiave:

  • divieto di vendere cani e gatti nei negozi a partire dal 1° gennaio 2024;
  • divieto di esporre animali in vetrina, a partire dal 1° gennaio del 2024;
  • divieto di allevare animali per la produzione di pellicce, come ad esempio i visoni;
  • stop degli animali selvatici nel circo;
  • stop a delfini e altri cetacei negli acquari e nei parchi marini.
(Visited 50 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago