Roma

Formula E, vittoria per Vergne e Vandoorne. Roma rinnova appuntamento per altri 5 anni

Condividi

Ad aggiudicarsi le vittorie sul circuito capitolino sono stati i team DS Techeetah e Mercedes EQ, rispettivamente con Vergne nel round di sabato, e Vandoorne in quello conclusivo della tappa. Raggi: “Una gara spettacolare, completamente elettrica nel cuore di una città millenaria”.

Anche quest’anno #ABBFormulaE a Roma ha regalato emozioni e puro divertimento. Una gara spettacolare, completamente elettrica nel cuore di una città millenaria. Una collaborazione che ha portato importanti investimenti nel tessuto urbano e che vedrà Roma tappa fissa dell’ E-Prix per altri 5 anni. – commenta la sindaca di Roma, Virginia Raggi su Facebook – L’Italia si conferma un mercato strategico per questo sport e la nostra città ne diventa il simbolo”.

Formula E, Frongia: “E’ simbolo del lavoro di quest’amministrazione”

Roma ha saputo tenere duro nonostante l’emergenza sanitaria in corso, e a riportare il campionato mondiale di monoposto elettriche sul circuito cittadino dell’Eur, per il terzo anno. Rispetto alle scorse edizioni, la griglia di partenza è avvenuta ai piedi del Palazzo dei Congressi e poi il passaggio davanti al “colosseo quadrato”.

Formula 1 vs Formula E: solo questione di emissioni?

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago