Roma. L’attesa è finita, ritorna la Champions League. Alle 20.45 il Napoli affronterà a Manchester il City di Pep Guardiola. Trasferta complicata quanto affascinante per gli uomini di Sarri, che vengono dall’ottava vittoria consecutiva in campionato ai danni della Roma. Da inizio campionato nessuno ha fatto meglio del Napoli nelle competizioni nazionali, mettendo a segno otto vittorie su altrettanto partite giocate. Il Manchester City sembra aver trovato la sua dimensione di gioco. Dopo i tanti milioni spesi sul mercato sono arrivati sia i risultati che il bel gioco. Guardiola è riuscito a trasmettere le sue idee alla squadra dopo le difficoltà del primo anno. Imbattuti in campionato, sette vittorie e un pareggio, 29 gol realizzati e solo 4 subiti. In Europa sono a punteggio pieno grazie alle vittorie con il Feyenoord e lo Shakhtar, mentre il Napoli ha perso nel debutto in Ucraina riuscendo però a vincere in casa contro gli olandesi.

I partenopei sono imbattuti contro i citizen, l’ultimo incrocio risale alla stagione 2011-2012 con la vittoria degli azzurri al San Paolo e il pareggio in Inghilterra.

4-3-3 per Guardiola che recupera Aguero che partirà dalla panchina. Stessi uomini che hanno battuto 7-2 lo Stoke City nell’ultimo turno di campionato con Gabriel Jesus punta centrale del tridente.  Due cambi possibili per Sarri: Maksimovic al posto di Albiol e Diawara regista con Jorginho a riposo. Ballottaggio solito tra Allan e Zielinski.

20.45 Manchester City – Napoli (diretta tv in chiaro su Canale 5)

Probabili formazioni:

MANCHESTER CITY (4-3-3): Ederson; Walker, Stones, Otamendi, Delph; De Bruyne, Fernandinho, D.Silva; Sterling, Gabriel Jesus, Sanè; All.: Guardiola.

NAPOLI(4-3-3): Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Diawara, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne; All.: Sarri.

Classifica gruppo E

1 Manchester City                  6 Pt

2 Shakhtar Donetsk               3 Pt

3 Napoli                                 3 Pt

4 Feyenoord                           0 Pt

Articolo precedenteOPHELIA, OLTRE 40 MORTI. RISCHIO ALLUVIONI IN GRAN BRETAGNA
Articolo successivoRASSEGNA AMBIENTE 13.10.17