BiodiversitàTerritorio

Foreste in aumento in Italia: +4,9% dal 2005, ma gli incendi boschivi continuano a preoccupare

Condividi

Foreste. 214 esperti coinvolti,  19 argomenti d’interesse, 90 indicatori numerici, 105 notizie, 8 focus e 8 buone pratiche.

Sono i numeri del primo Rapporto sullo stato delle foreste e del settore forestale, presentato presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del turismo in occasione della Giornata internazionale delle Foreste.

 

Scopo del Rapporto è raccogliere in un unico contenitore le conoscenze e le informazioni su foreste e filiere forestali nazionali.

Le foreste italiane sono infatti in costante aumento.

La superficie forestale negli ultimi quarant’anni è cresciuta progressivamente raggiungendo gli 11 milioni di ettari, ma a venir meno è ancora una gestione sostenibile per tutelare e per cogliere le opportunità della bioeconomia.

Il settore produttivo forestale crea oggi occupazione per oltre 400 mila persone.

Una gestione e valorizzazione socioculturale potrebbe sviluppare un indotto di oltre 300 mila posti di lavoro in particolare per le aree rurali ed interne del paese.

Giornata mondiale delle Foreste e dei Boschi, gli eventi in programma

“L’obiettivo – ha spiegato Enrico Pompei della direzione foreste del Mipaaft – è accrescere le conoscenze e le informazioni inerenti il tema delle foreste e delle filiere forestali. Per la prima volta abbiamo a disposizione la conoscenza e l’informazione necessaria sul settore forestale nazionale raccolta in un unico documento”.

L’Italia importa legna e legname dall’estero e utilizza poco i boschi nazionali restando ampiamente al di sotto dei tassi di utilizzazione europei.

Si preleva annualmente dal 18 al 37% di quanto il bosco ricresce mentre la media dell’Europa meridionale è del 62-67%.

Nel rapporto viene poi evidenziata una crescente attenzione per i servizi ecosistemici forniti dal bosco in particolare per quelli ricreativi, culturali e di compensazione delle emissioni.

Sono oltre 620mila sono gli iscritti ad associazioni escursionistiche, 192 i parchi e 71 gli asili in bosco per un totale di 1,96M€ di transazioni per compensazione emissioni CO2.

Gli alberi migliorano la qualità della vita, Italia prima al mondo a certificare i benefici delle foreste

Nonostante la crisi, diversi settori produttivi hanno mostrato segnali di crescita come l’edilizia in legno e la coltivazione di pioppo per l’industria (43mila ha, +27% rispetto ai 5 anni precedenti con un aumento del prezzo dal 2016 del 20%).

Sono stati 3130 gli edifici in legno costruiti per un valore complessivo di 698 milioni di euro.

In crescita anche le imprese (+6.471 +14%) ma diminuiscono gli addetti in selvicoltura (12.166 -13,4%) soprattutto al centro sud.

Quanto agli incendi, rimangono la principale preoccupazione e rischio per il patrimonio che pur essendo diminuiti progressivamente in termini di superficie percorsa dal fuoco vede un aumento dei rischi di innesco con periodi di alta siccità e ondate di calore.

La media degli incendi dal 1980 al 2009 è stata pari a 116.533 ha/anno. Con una media 2010-2017 -38% 72.621 ha/anno.

 

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago