AttualitàScienza e TecnologiaVideo

Foreste, ecco come i Reparti forestali dell’Arma dei Carabinieri individueranno gli incendi boschivi

Condividi

L’innovazione tecnologica per la tutela dell’ambiente: monitoraggio delle foreste italiane tramite tecniche di “remote sensing” satellitare. L’iniziativa è volta innalzare le capacità tecniche dei Reparti forestali dell’Arma dei Carabinieri al fine di individuare con tempestività le cause degli incendi boschivi ed eventuali responsabili.

L’utilizzo dei sistemi satellitari per il monitoraggio delle risorse forestali è una prassi ormai scientificamente consolidata, che correlata da una crescente quantità di informazioni, derivanti dall’impiego dei droni nelle attività di aerofotogrammetria, dall’uso congiunto di intelligenza artificiale e dalla disponibilità di dati satellitari telerilevati, oggi fruibili anche in ambiente open cloud, hanno definito e delineato nuove frontiere ed ambiti applicativi innovativi, dei quali la specialità forestale dell’Arma dei Carabinieri intende avvalersi dal punto di vista operativo quotidiano, a partire dalla prossima campagna antincendio boschivo.

Carabinieri, biciclette elettriche ai reparti nei parchi nazionali

Grazie al Programma Copernicus dell’Unione Europea sono state rese disponibili gratuitamente le immagini dei satelliti  Sentinel 2, con intervalli di rivisitazione del territorio molto brevi (soli 5 giorni) e dotati di un’alta risoluzione spaziale (fino ad un dettaglio di pixel a 10 metri) che costituiscono un’enorme opportunità sia per il monitoraggio dell’andamento del fenomeno degli incendi boschivi che a supporto delle attività info-investigative indirizzate alla repressione del reato di incendio boschivo.

Ciò ha richiesto lo sviluppo di nuove metodologie e procedure di analisi criminale territoriale georiferita,  che sono state recentemente sviluppate, sui Sistemi informativi territoriali in dotazione, dal  Comando Carabinieri per la Tutela Forestale –  Nucleo informativo antincendio boschivo, con il fine di trasformare questa grande mole di informazioni, .in strumenti di conoscenza dei fenomeni socio economici.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di innalzare le capacità tecniche dei Reparti Forestali dell’Arma nelle operazioni di reperti tecnici sui soprassuoli boschivi percorsi dal fuoco, finalizzate ad individuare il punto di insorgenza delle fiamme e valutare il grado di danno subito dagli ecosistemi forestali distrutti.

Parco Regionale della Spina Verde, Carabinieri Forestali individuano scarico abusivo

Ciò avverrà integrando le procedure basate sul metodo delle evidenze fisiche, attualmente in uso, con i rilievi satellitari che saranno elaborati con cadenza settimanale e resi in breve tempo disponibili ai Comandi stazione carabinieri forestali, quale ulteriore fonte di informazione ed interpretazione di quanto accaduto sul territorio di loro competenza, al fine di individuare con tempestività le cause dell’incendio e sviluppare più rapidamente ipotesi investigative finalizzate ad individuare i responsabili degli  eventi di incendio boschivo.

Per supportare questo progetto il CUFA si avvarrà  della collaborazione e del supporto tecnico-scientifico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) – Istituto di metodologie per l’analisi ambientale e della Scuola di Ingegneria aerospaziale  della Università La Sapienza di Roma, nonché degli assetti satellitari SAR ed Ottici messi a disposizione dallo Stato Maggiore della Difesa – Ufficio Generale Spazio, integrati dai dati satellitari ad altissima risoluzione di satelliti della classe mini, comunemente definiti  Cubesat.

Tale attività consentirà alla specialità forestale dell’Arma dei Carabinieri di innalzare significativamente le attività di tutela e controllo degli ecosistemi forestali e naturali italiani.

(Visited 54 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago