InquinamentoRifiuti

Carabinieri Forestali, +12,26% controlli per contrasto illeciti ambientali

Condividi

Forestali. Nel 2019 crescono del 12,26%, rispetto all’anno precedente, le attività di controllo sul territorio regionale dei Carabinieri Forestali.

Diffusione della legalità ambientale, tutela del territorio e salvaguardia dell’ambiente del paesaggio e del patrimonio forestale, contenendo i danni provocati da incendi, rifiuti, illeciti amministrativi e diffusione della xylella, sono alcuni dei traguardi raggiunti.

A preoccupare però sono il numero ancora troppo alto degli incendi boschivi dolosi e quello dell’illecito abbandono dei rifiuti e delle discariche abusive.

Nel 2019 è aumentato il numero di reati perseguiti (+24.83%) coniugati a una significativa contrazione degli illeciti amministrativi accertati (-15.67%) rispetto al 2018.

Roma, il convegno “Salute e Agroalimentare: dalla sicurezza più qualità” organizzato dall’Arma dei Carabinieri

“Stiamo cercando di rafforzare il dispositivo di controllo tentando anche di avviare strategie sinergiche con le polizie locali e le altre istituzioni perché è importante diffondere la cultura della legalità ambientale” – ha commentato il comandante regionale, gen. di Brigata Antonio Danilo Mostacchi.

A supportare le attività di controllo dei Carabinieri Forestali anche una maggiore partecipazione dei cittadini che attraverso il 1515 hanno contribuito a segnalare le aggressioni al territorio.

Tra queste ultime, l’abbandono incontrollato di rifiuti, le discariche abusive e i traffici organizzati che, assieme alle forme di smaltimento illecito e alla combustione dei rifiuti, sono tra le cause di più forte perturbazione per l’ambiente.

Massafra, sequestrata maxi discarica abusiva: 24mila tonnellate di rifiuti in gravina

Forte impegno dei Carabinieri forestali anche nel contenimento della diffusione della Xylella fastidiosa.

Salgono a 5.572 i controlli, +95,10% rispetto al 2018.

Ma ancora troppi sono gli incendi dolosi.

Discarica di Borgo Montello, Conferenza dei Servizi vota contro riapertura

“La piaga degli incendi boschivi resta ancora une delle forme di aggressione più temibili sul territorio – ha aggiunto il generale Mostacchi – l’anno scorso la Puglia ha registrato, in linea con gli anni precedenti, un numero di incendi boschivi di poco superiori ai 350 eventi che però rappresentano per la Puglia il terzo posto nella classifica nazionale”.

“C’è stato un calo di questi eventi all’interno delle aree protette – ha aggiunto il generale – ma dobbiamo cercare ancora di più, con maggiore impegno, alla luce delle cause che principalmente sono di natura dolosa, di trovare forme di collaborazione investigativa per risalire agli autori dell’ignobile reato di incendio boschivo”.

(Visited 6 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago