InquinamentoRifiuti

Costa: CdM dichiara lo stato di emergenza per ecoballe nel Golfo di Follonica

Condividi

Follonica. “Finalmente, dopo 5 anni dalla dispersione nel golfo di Follonica di 56 ecoballe di rifiuti, che trasportate dalla corrente si stanno sfaldando, siamo riusciti a ottenere la dichiarazione dello stato di emergenza, votato in questo momento in Consiglio dei Ministri. Durerà sei mesi”.

Ad annunciarlo è il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, in post su Facebook dove racconta il percorso che ha portato a questa vittoria.

Antartico, scoperta per la prima volta una fuoriuscita di metano da una fenditura nel fondale marino

Tutto è avvenuto nel 2015, quando un’imbarcazione ha ‘liberato’ in mare parte del carico di materiali plastici – si legge – nel 2018 sono diventato ministro e la situazione era completamente bloccata. Ho nominato un commissario di governo, l’ammiraglio Aurelio Caligiore, che insieme con la generosità del Corpo delle Capitanerie di Porto, ha portato avanti un lavoro eccezionale, individuando le ecoballe sui fondali, mappandole, e portando agli occhi di tutti la prova dell’estrema pericolosità della situazione”.

Tre tonnellate di rifiuti in 6 mesi nelle reti dei pescatori a Porto Garibaldi, 96% è plastica

“Se quelle ecoballe dovessero sfaldarsi diffondendo 60 tonnellate di plastica scrive ancora Costa – inquinerebbero aree protette, coste bellissime, un mare ricco di biodiversità. Caligiore ha lavorato in condizioni difficili e ci ha aiutato a capire quanto la situazione fosse grave. Finalmente dopo mesi di interlocuzioni tecniche la Protezione civile ha portato in Consiglio dei ministri la richiesta di stato di emergenza che abbiamo tutti votato stasera”.

Erosione, allarme Legambiente: quasi il 50% delle nostre spiagge è a rischio

Infine, “questo passaggio potrà rendere più veloce il lavoro di rimozione di queste ecoballe che sarà curato dalla Protezione civile insieme alle strutture tecniche del Ministero dell’Ambiente per la loro specifica competenza. Bisogna fare presto. È una lotta contro il tempo”.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago