AttualitàEconomiaScienza e Tecnologia

In Florida è stato prodotto il primo Ketchup (quasi) marziano

Condividi

Gli scienziati del Florida Tech hanno prodotto pomodori simulando le condizioni di suolo e temperatura del pianeta rosso e la società Heinz ci ha fatto un Ketchup. 

Alcuni ricercatori americani hanno prodotto – per conto della società americana Heinz – un ketchup… quasi marziano.

Lo hanno chiamato Tomato Ketchup Marz Edition ed è stato prodotto con pomodori coltivati simulando l’ambiente che si troverebbe sul pianeta rosso. E dunque: invece del Sole è stata usata una potente illuminazione LED, mentre per simulare il suolo marziano è stata utilizzato il terreno proveniente dal deserto del Mohave.

 


La ricerca è stata condotta dall’Aldrin Space Institute del Florida Institute of Technology di Melbourne. Il lavoro è stato effettuato all’interno di una serra progettata per replicare nei minimi dettagli l’ambiente nel quale si troverebbero a lavorare i primi coloni umani giunti sul pianeta rosso.

Se da una parte si tratta di una trovata commerciale di sicuro successo, dall’altra quella condotta dagli scienziati del Florida Tech è stata una ricerca – attualmente in fase di peer review – molto meticolosa: prima 2mila ore di studio pilota effettuato su 30 piantine di pomodoro e poi lo studio vero e proprio che ha analizzato la crescita e lo sviluppo di 450 piante.

 

Marte, le spettacolari immagini del Pianeta Rosso direttamente dal Perseverance

Lo studio ha quindi dimostrato che produrre pomodori (e, volendo, anche Ketchup) su Marte è possibile. Ma i passi da fare per produrre un quantitativo di pomodori idoneo al fabbisogno dei primi coloni sono ancora tanti.

Infatti, tanto lo studio pilota con le 30 piantine che quello esteso con le 450 piantine hanno prodotto pomodori. Ma in proporzione, quelli prodotto durante lo studio principale, sono stati molti meno di quelli prodotti in precedenza. Sintomo che la coltura dei pomodori su larga scala in condizioni estreme è assai più complessa.

Dagli scarti del pistacchio una crema antiage: l’idea ecofriendly di Kymia, una startup siciliana

 

(Visited 31 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago