AttualitàGood NewsScienza e Tecnologia

Flixbus, arrivano gli autobus a biogas: “Emissioni di CO2 ridotte del 75%”

Condividi

Flixbus lancia i primi autobus a biogas. Un’alternativa decisamente sostenibile secondo l’azienda: “Emissioni di CO2 ridotte del 75%”.

Flixbus lancia i primi autobus a biogas. L’azienda di trasporto extra-urbano su bus, operativa in tutta Europa e in parte degli Stati Uniti, da oggi utilizzerà questi mezzi decisamente più sostenibili rispetto agli autobus tradizionali. L’azienda stima che con l’introduzione dei nuovi bus le emissioni totali di CO2 potranno essere ridotte del 75%. I primi Flixbus a biogas copriranno da oggi le tratte Amsterdam-Bruxelles e Stoccolma-Oslo.

L’autobus a biogas nel percorso Amsterdam-Bruxelles è prodotto da Iveco ed è alimentato dal BioCNG, un gas naturale compresso, grazie alla collaborazione con OrangeGas (OG). Il bus del percorso Stoccolma-Oslo è invece prodotto da Scania ed è alimentato dal BioLNG, un gas naturale liquefatto, grazie all’accordo con Gasum.

Buone notizie! Nel 2020 l’elettricità da rinnovabili ha superato per la prima volta quella da fonti fossili

Già negli anni scorsi, Flixbus ha cercato di adeguarsi ad una mobilità più sostenibile. A partire dal 2018, l’azienda ha testato autobus 100% elettrici in Germania, Francia e Stati Uniti, mentre un accordo del 2019 con Freudenberg ha consentito di realizzare il primo bus a idrogeno. Inoltre, sulla rotta Londra-Dortmund è partita la sperimentazione di pannelli solari che permettono di risparmiare il 7% del carburante e tutti i convogli di FlixTrain sono alimentati al 100% da energie rinnovabili.

(Visited 105 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago