Flaconi di plastica sulla spiaggia dopo mezzo secolo in mare

Plastica. A Rosolina Mare, Rovigo, una professoressa delle medie ha ritrovato in spiaggia un flacone di detergente di mezzo secolo fa. Era perfettamente conservato. Terzo di tre casi analoghi.

Pubblicato da Alessandra Alexa su Mercoledì 3 aprile 2019

A Rosolina Mare, in provincia di Rovigo, il mare ha restituito un flacone di detersivo, dopo averlo cullato per mezzo secolo. Lo ha ritrovato Alessandra Ranaudo, insegnante di tecnologia alle scuole medie. Un vecchio flacone di detergente per vetri, con le scritte ancora impresse. Il suo prezzo era di 150 lire. Facendo una ricerca, la docente, ha trovato una locandina e dedotto l’epoca cui risaliva la bottiglia.”La bottiglia trovata riporta il prezzo di 150 lire invece di 200 lire. Ho trovato anche una locandina pubblicitaria del prodotto che risale al 1968. Quindi si presume che quella bottiglietta possa avere 50 anni”.

Seabin, il cestino galleggiante che raccoglierà 500 chili di plastica all’anno

Spiaggia invasa dalla plastica, scatta l’allarme. VIDEO

Postando la foto dell’oggetto sul suo profilo Facebook, Alessandra “Alexa” Ranaudo ha commentato: “A Termoli avevano trovato una bottiglia di detergente di 40 anni fa a 180 lire, oggi a Rosolina Mare (RO) ne ho trovata una ancora più vecchia venduta a 150 lire invece che 200, perfettamente conservata dal mare!! Questa immagine dovrebbe far riflettere…
Ho trovato su internet la locandina pubblicitaria del prodotto che risale al 1968!
Condividete!!!”

 

Al giornale “la Voce di Rovigo”, la professoressa ha spiegato la sua intuizione di portare la bottiglia in classe.”Inizialmente avevo buttato la bottiglia nel bidone, gesto che avrebbero dovuto fare 50 anni fa, ma poi ho deciso di andare a riprenderla per mostrarla ai miei alunni come testimonianza del problema della plastica nei nostri mari”.

North Sails e la battaglia contro la plastica nell’oceano. VIDEO

Emergenza plastica, due campionesse di nuoto lanciano il loro messaggio. VIDEO

E la “bottiglia di detergente di 40 anni fa a 180 lire” trovata a Termoli, cui la donna fa riferimento nel suo post,  è quella che Leonardo Papagni aveva ritorvato sulla costa molisana, qualche mese fa. Si trattava dello stesso detergente il cui prezzo stampato sull’etichetta era di 180 lire (non 150), dunque presumibilmente di un periodo successivo a quest’ultimo.
Intanto la foto di un altro flacone datato di detersivo, rigettato anch’esso dal mare, è stata condivisa dalla pagina Facebook dell’associazione “Csi Gaiola” (Centro Studi che si occupa di ricerca e divulgazione scientifica per la tutela e valorizzazione dell’ambiente marino-costiero) dando luogo a una polemica circa la veridicità di questo genere di flaconi restituiti dal mare.
Tra i commenti c’era infatti chi sosteneva che si trattasse di un fake, poiché sarebbe stato impossibile che le scritte impresse sulla confezione fossero rimaste intatte dopo decenni in mare. Tuttavia pare che le stampe di queste bottiglie abbiano uno spessore paragonabile a quello che hanno oggi le verniciature per auto, spessore che le conserverebbe pressoché inconsunte, nonostante lunghi anni di vagare in mare.
(Visited 193 times, 1 visits today)

Leggi anche

Call Now ButtonDiventa Green!