AnimaliAttualitàRoma

Fiumicino, strage di volatili in spiaggia: “Probabile avvelenamento da alga tossica”

Condividi

Fiumicino, strage di volatili in spiaggia. A Marina di Palidoro si è registrata una impressionante moria di volatili: l’ipotesi più probabile è che sia dovuta ad un’alga tossica.

Diversi uccelli marini rinvenuti morti sulla spiaggia di Marina di Palidoro, nel Comune di Fiumicino, sul litorale romano. Lo ha denunciato la Lipu, attraverso il Centro Habitat Mediterraneo di Ostia: “Purtroppo dobbiamo registrare la moria di un gran numero di berte sul Litorale Nord, tra Passoscuro e Marina di San Nicola”.

“Sul posto sono presenti le forze dell’ordine e tramite il Crfs Lipu Roma abbiamo allertato l’Istituto Zooprofilattico per i rilievi del caso” – spiega ancora il Centro Habitat Mediterraneo Lipu di Ostia – “Con ogni probabilità si tratta dell’ormai ricorrente e tristemente diffuso fenomeno provocato da un’alga tossica, che fiorisce proprio in questo periodo dell’anno e che risulta letale per questi uccelli che l’accumulano attraverso l’ingestione di pesci”.

Roma, anatroccoli incastrati in un tombino: salvati dai vigili del fuoco

Come spiegato sempre dal Centro Habitat Mediterraneo Lipu di Ostia, ciò che fa propendere per l’ipotesi dell’alga tossica è che ad essere colpita è una sola specie in particolare: “Solo le analisi potranno confermarlo, ma è un fenomeno che si ripete ormai da anni in diverse parti d’Italia ed è connesso alla presenza di particolari alghe. Se si fosse trattato di uno sversamento di rifiuti tossici, avrebbe colpito buona parte degli abitanti del mare”.

(Visited 50 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago