ClimaGood NewsInquinamento

Fiumicino, le scuole del comune diventeranno carbon neutral

Condividi

La rivoluzione green degli istituti gestiti dal comune grazie alla partnership con Engie che fornirà impianti fotovoltaici e migliaia di lampade led.

La lotta al cambiamento climatico, a Fiumicino, partirà dalle scuole. Sono in arrivo, infatti, 31 impianti fotovoltaici ed altrettante centrali termiche riconvertite che saranno installate nelle scuole del Comune con lo scopo di renderle carbon neutral.

L’azzeramento delle emissioni di CO2 per le scuole di Fiumicino è possibile grazie alla partnership tra il Comune ed Engie, l’azienda francese che opera nei settori della produzione e distribuzione di gas naturale e energie rinnovabili. Per giungere all’obiettivo carbon neutral, poi, negli istituti del comune arriveranno anche 8300 nuove lampade a led per l’illuminazione e un sistema di telecontrollo degli impianti.

La partnership tra la multinazionale francese e il comune di Fiumicino è già stata sperimentata in passato quando Engie si era occupata della gestione e dell’efficientamento dell’illuminazione pubblica grazie all’installazione di circa 10mila nuovi punti luce poco impattanti per l’ambiente. In questa nuova collaborazione, ad essere interessati saranno tutti gli istituti scolastici gestiti dal comune: asili nido, scuole dell’infanzia, elementari e medie. 

Conferenza sul futuro dell’Europa, al via i webinar dell’Università Roma Tre

L’obiettivo principale e’ quello di eliminare la produzione di combustibili gassosi e di alimentare tutti gli edifici con energia integralmente autoprodotta, grazie ai pannelli fotovoltaici. Verranno risparmiati all’ambiente l’equivalente di circa 650 tep (Tonnellate equivalenti di petrolio) di energia termica ed elettrica, pari alla riduzione di emissioni in atmosfera di di quasi 1.400 tonnellate di CO2 all’anno.

Oltre al risparmio in termini di CO2 non prodotta, ci sarà un risparmio economico. Quattrocento mila euro in meno rispetto agli anni precedenti.

Dagli scarti del pistacchio una crema antiage: l’idea ecofriendly di Kymia

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago