RifiutiRoma

Fiumicino, i pescatori a caccia di plastica da riciclare: l’annuncio di Zingaretti

Condividi

Pescatori a caccia di plastica in mare, da riciclare per essere riutilizzata come arredi nei parchi. Riparte da Fiumicino l’iniziativa ‘Fishing for litter’, come annunciato dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Torna dal 4 maggio il progetto ‘Fishing for litter‘, l’iniziativa promossa dalla Regione Lazio e dal Consorzio Corepla, in collaborazione col Comune di Fiumicino e con le cooperative locali dei pescatori. Saranno ben 26 i pescherecci di Fiumicino che recupereranno la plastica in mare e la consegneranno a Corepla. Il Consorzio si occuperà quindi di trasformare, in un impianto di riciclo, la plastica in arredi urbani e giochi per parchi e altre aree verdi nel territorio di Fiumicino.

Recovery Plan, gli obiettivi green: +65% di plastica riciclata e -15% di sprechi di acqua

L’iniziativa, fortemente voluta dalla Regione Lazio, permetterà quindi di ripulire, almeno in parte, i fondali del litorale romano e di realizzare piccole opere pubbliche. “Fino ad oggi sono già state recuperate 20 tonnellate di rifiuti, ma vogliamo fare sempre di più per il bene del mare e di chi lo vive” – ha spiegato Nicola Zingaretti – “La sostenibilità ambientale e la tutela del nostro ecosistema, sono una priorità per la quale ci batteremo con forza”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nicola Zingaretti (@nicolazingaretti)

L’iniziativa è già stata sperimentata ad Anzio e in altri territori del litorale, ma anche nelle acque del Tevere e dell’Aniene. L’utilizzo delle barriere ‘acchiappa-rifiuti’ nei due fiumi di Roma ha permesso di recuperare sei tonnellate di rifiuti tra cui dieci frigoriferi, sette bombole gpl, uno scaldabagno, un tavolo da ping-pong, due caschi e diversi pneumatici.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago