Individuata e sequestrata azienda responsabile dell’inquinamento nel fiume Sacco con le schiume nello scorso novembre.  Il Comando dei Carabinieri forestali di Frosinone avrebbe sequestrato un’azienda di Patrica (FR).

Fiume Sacco, ritorna il fenomeno della schiuma bianca. VIDEO

Secondo quanto emerso dalla nota stampa divulgata questa mattina da Arpa Lazio (Agenzia regionale di protezione ambientale della Regione Lazio) il Comando dei Carabinieri forestali di Frosinone avrebbe sequestrato un’azienda di Patrica (FR), la “Gabriel Group“individuata come responsabile dell’inquinamento del fiume Sacco, corso d’acqua ricoperto per centinaia di metri da schiuma fitta tra il 24 e il 30 novembre 2018. I due rappresentanti dell’azienda sono indagati per i reati di inquinamento ambientale, violazione delle prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale (AIA) e impedimento di controllo.

Legambiente, fra quanti avevano raccontato l’annosa vicenda e inviato dettagliato esposto all’autorità giudiziaria, ringrazia quanti hanno potuto far emergere le responsabilità di quel disastro.

Valle del Sacco, manifestanti in strada per la tutela e il futuro del territorio

“Vogliamo ringraziare le autorità competenti, i Carabinieri Forestali e Arpa Lazio per aver analizzato lo stato dell’acqua e portato all’individuazione dei responsabili di una delle vicende più brutte del territorio. – commenta Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – In quelle mattine di novembre abbiamo visto scene assurde di inquinamento che non devono ripetersi mai più. Il fiume Sacco è stato devastato negli anni dalla chimica e dalle illegalità con le quali venivano sversati i reflui industriali, ora emergono di nuovo tubature che bypassano i depuratori, sostanze chimiche di ogni genere sversate mentre il fiume ha bisogno solo di bonifica e risanamento ambientale attraverso l’attuazione del contratto di fiume e degli accordi del SIN (sito di interesse nazionale) per la bonifica”.

Valle del Sacco, Costa e Zingaretti firmano l’accordo per la bonifica

Da quanto emerso, tensioattivi, dilimonele, eucaliptolo, cinele, levomentolo sono le sostanze trovate in quei giorni nel fiume e nell’azienda poi sequestrata.

Articolo precedenteNoni, la bacca che favorisce il rigeneramento cellulare. Tutte le proprietà
Articolo successivoPizza da guinness, al FICO Eataly World di Bologna una pizza lunga 500 metri VIDEO