InquinamentoRifiuti

Il fiume Gange trasporta ogni giorno miliardi di microplastiche nell’oceano. Lo studio

Condividi

È stato scoperto un flusso di materiali inquinanti, in particolare plastica, rappresentato da un numero che supera il miliardo di unità. La maggiore fonte di trasporto è il Gange, insieme a due corsi d’acqua che scorrono vicini.

Grazie al progetto Sea to Source ideato da National Geographic, nel mese di dicembre è stato pubblicato uno studio nel quale si seguiva nel dettaglio il tragitto compiuto da una bottiglia di plastica lungo il corso del fiume Gange: il rifiuto sfociava, dopo migliaia di chilometri, direttamente nell’Oceano Indiano.

Ora gli scienziati sono passati dal valutare il tragitto dei rifiuti, a calcolarne l’abbondanza nel fiume, raccogliendo campioni d’acqua da 10 siti diversi, prendendo 60 campioni prima e dopo gli effetti del monsone (un vento periodico nella zona dell’Oceano Indiano).

Cucciolo di tigre gioca con la plastica: il video shock che preoccupa per la fauna selvatica

Nel laboratorio della University of Plymouth è risultato dalle analisi dei campioni che la quantità di microplastiche, prima e dopo l’influenza del vento periodico, si riduce di pochi punti in percentuale, dal 72% prima al 62% dopo il monsone, e la quasi totalità deriva dalla composizione di capi d’abbigliamento come l’acrilico.

Bali, spiagge sommerse dalla plastica. Cosa sta succedendo?

I tre fiumi Gange, Brahmaputra e Meghna formano il bacino fluviale più grande dell’Asia meridionale e anche il più popoloso, rappresentando per più di 660.000.000 di persone la fonte d’acqua principale.

L’inquinamento da plastica ha ucciso centinaia di cammelli nel deserto di Dubai

Ora sappiamo che i fiumi sono una fonte sostanziale di microplastiche che si disperdono negli oceani; queste informazioni ci aiuteranno ad identificare i percorsi principali delle fibre di plastica e a progredire verso un utilizzo della plastica più responsabile per ottenere notevoli vantaggi per la tutela degli oceani” ha dichiarato il prof. Richard Thompson co-autore dello studio.

Foto crediti National Geographic

Di Francesco De Simoni

(Visited 9 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago