AttualitàInquinamento

Allarme siccità per il Fiume Po, portata diminuita del 45%

Condividi

Con livelli idrometrici con punte inferiori di portata fino al 45% rispetto alla media, l’Autorità di Bacino Distrettuale lancia l’allarme sul Po. Nonostante siamo nei primi giorni di primavera, il fiume Po registra uno stato simile a quello della fine del mese di agosto.  

La colpa è delle mancate piogge che da mesi in tutto il nord stanno provocando continui record negativi anche in altri grandi  bacini come ad esempio il lago di Como.

“Le temperature e la persistente assenza di precipitazioni consistenti – si legge in una nota dell’Autorità di Bacino – disegnano un quadro preoccupante soprattutto se si considera che anche il grosso del prelievo dell’irrigazione a beneficio delle colture della Pianura Padana è soltanto all’inizio della stagione. Un andamento che non stupisce se raffrontato a quanto accaduto negli ultimissimi anni, ma che si scosta drasticamente col passato a dimostrazione del mutamento dei fenomeni, della loro tempistica e delle loro ripercussioni”.

River litter, l’Ue chiede un piano per ridurre l’inquinamento dei fiumi

“Ora, sperando in piogge che possano arrivare a colmare il gap esistente – commenta Meuccio Berselli, segretario generale dell’ente, in occasione del sopralluogo effettuato oggi al Ponte della Becca, in cui il Po si attesta a -2,90 metri sotto lo Zero Idrometricoserve mettere in campo tutte le strategie possibili per riuscire a contrastare la carenza prolungata di risorsa idrica, una risorsa indispensabile per i territori, gli equilibri ambientali, l’economia agroalimentare, la biodiversità”.

(Visited 24 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago