Italpress

Fisco, nel primo bimestre gettito entrate tributarie in calo

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – Nel primo bimestre dell’anno, secondo i dati del Dipartimento delle Finanze, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 67.660 milioni, segnando una diminuzione di 2.920 milioni rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (-4,1%).
A febbraio le entrate tributarie hanno registrato una variazione negativa di 1.741 milioni (-5,3%), per effetto della variazione del gettito delle imposte dirette (-581 milioni pari a -3,4%) e di quella delle imposte indirette (-1.160 milioni, -7,4%).
Nel primo bimestre le imposte dirette ammontano a 42.858 milioni, con una diminuzione di 507 milioni (-1,2%). Il gettito Irpef si è attestato a 37.966 milioni con una riduzione di 447 milioni (-1,2%). L’Ires fa registrare un gettito pari a 464 milioni (-154 milioni, -24,9%). Le imposte indirette ammontano a 24.802 milioni, in calo di 2.413 milioni pari all’8,9%. All’andamento negativo ha contribuito la diminuzione del gettito Iva (-380 milioni, -2,4%), in particolare la componente di prelievo sulle importazioni che si è ridotto di 297 milioni (-13,4%).
Le entrate relative ai giochi ammontano a 1.708 milioni (-862 milioni, -33,5%). Le entrate tributarie erariali derivanti da attività di accertamento e controllo si attestano a 1.077 milioni (-578 milioni, -34,9%).
(ITALPRESS).

(Visited 6 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago