Attualità

Filippine, almeno 16 morti a causa del tifone Phanfone VIDEO

Condividi

Il tifone Phanfone, con venti a 195 chilometri orari, si abbattuto sulle Filippine tra il 24 e il 25 dicembre. Almeno 16 morti. I danni maggiori e le vittime si contano sull’arcipelago delle Visayas.

Almeno 16 persone sono morte a causa di un tifone che si abbattuto sulle Filippine tra il 24 e il 25 dicembre. Il tifone Phanfone, con venti a 195 chilometri orari, ha divelto i tetti degli edifici e abbattuto i pali della corrente elettrica in villaggi rurali e aree turistiche nella zona centrale del paese. I danni maggiori e le vittime si contano sull’arcipelago delle Visayas. Gravemente danneggiato anche l’aeroporto di Kalibo.

Giappone, oltre 60 morti per il tifone, si continua a scavare nel fango VIDEO

Decine di migliaia di persone sono rimaste bloccate nei porti mentre cercavano di tornare a casa per Natale

Rifiuti, dalle Filippine restituite al mittente tonnellate di rifiuti non riciclabili

Clima, le Filippine denunciano 47 compagnie fossili per violazione dei diritti umani

Phanfone ha anche colpito Boracay, Coron e altre destinazioni turistiche famose per le loro spiagge di sabbia bianca e popolari tra i turisti stranieri.Mercoledì scorso, durante la tempesta, il telefono cellulare e l’accesso a Internet su Boracay sono stati interrotti e le reti sono rimaste bloccate giovedì, rendendo difficile la valutazione del danno.

Le Filippine sono la prima grande massa terrestre di fronte alla cintura del tifone del Pacifico ed è colpita in media da circa 20 grandi tempeste all’anno. Molte delle tempeste sono mortali e in genere spazzano via raccolti, case e infrastrutture, mantenendo milioni di persone perenni povere.

(Visited 21 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago