Riciclo e RifiutiTerritorio

Rifiuti, dalle Filippine restituite al mittente tonnellate di rifiuti non riciclabili

Condividi

Le Filippine hanno rispedito al Canada tonnellate di rifiuti, dopo settimane di contrasti che hanno visto il Presidente Rodrigo Duterte minacciare di “salpare per il Canada e scaricare lì la spazzatura”. Qualche giorni fa anche la Malesia rispedito quasi 3mila tonnellate di rifiuti di plastica non riciclabile a Stati Uniti, Canada, Australia e Regno Unito.

Le Filippine hanno dichiarato che i rifiuti sono stati falsamente etichettati come plastica riciclabile nel momento in cui sono stati spediti a Manila nel 2014. Il Canada ha accettato di coprire il costo completo del trasferimento e dello smaltimento. Alcuni dei 69 container sono stati rimandati indietro con una nave cargo che è salpata da Subic Bay, a nord di Manila.

Rifiuti, Cina chiude l’accesso all’Everest, la montagna più alta del mondo

“Baaaaaaa bye, come si dice dalle nostre parti,” ha scritto il Segretario degli Affari Esteri Filippino, Teddy Locsin Jr. Il Ministro, famoso per lo stile stravagante dei suo tweet, ha postato foto e video della nave in partenza.

Circa 1500 tonnellate di spazzatura arriveranno a Vancouver alla fine di giugno per essere trattate in un centro di recupero. “Questa è una dimostrazione che stiamo rispettando i nostri obblighi nel gestire i rifiuti che provengono dal Canada”, ha dichiarato alla BBC il segretario al Ministero dell’Ambiente Canadese, Sean Fraser. Il Canada si è mosso velocemente nelle recenti settimane per venir incontro a questo problema, specifica il ministro, dopo che per molti hanno le Filippine hanno insistito che per loro questa “è una seria priorità”.

Plastica, nuova ricerca di Greenpeace sulla crisi del commercio globale dei rifiuti

Un crescente numero di nazioni del Sud Est Asiatico stanno chiedendo alle nazioni Occidentali di riprendersi la loro spazzatura, soprattutto quella che arriva illegalmente sulle loro coste. Il problema della spazzatura esportata dalle nazioni sviluppate è stato svelato dopo che la Cina ha introdotto il divieto sull’importazione di “Spazzatura Straniera”. Come risultato i rifiuti – spesso falsamente dichiarata come riciclabili – arrivavano alle nazioni in via di sviluppo (come la Malesia o le stesse Filippine) che stanno adesso iniziando a rispedirla al mittente.

Malesia, rispedisce tonnellate di rifiuti non riciclabili

Gli ufficiali delle Filippine hanno posto questo problema al Canada già nel 2014, facendo notare la quantità di container pieni di spazzatura dichiarata falsamente come riciclabile arrivate tra il 2013 e il 2014. Nel 2016 un tribunale delle Filippine ha ordinato che questi rifiuti venissero rispediti al Canada, a spese del paese di origine. Nello stesso anno il Canada ha ammesso le sue colpe e ha cambiato le proprie regolamentazioni per evitare episodi successivi. Recentemente l’ambasciatore delle Filippine è stato richiamato da Manila dopo che il Canada ha saltato una deadline per riprendersi i rifiuti fissata per il 15 maggio.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago