InquinamentoRifiuti

Filippine, le immagini del degrado in corso nella barriera corallina invasa dalle mascherine VIDEO

Condividi

Nella capitale filippina Manila la barriera corallina è invasa da mascherine usa e getta. A testimoniarlo il video diffuso dalla Bbc dove i gruppi ambientalisti lanciano l’allarme: le mascherine si stanno distruggendo e i pezzi di plastica stanno mettendo in serio pericolo la fauna marina.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MARK BADIOLA 🤿 (@underwatermojo)

Ai colori della barriera corallina nelle Filippine si sta aggiungendo sempre di più una nuova tonalità di blu: quella delle migliaia di mascherine chirurgiche usate per proteggersi dal Covid e poi buttate. Palate di rifiuti: fino a 280 tonnellate extra al giorno durante il picco dell’epidemia, secondo una stima dell’Asian Development Bank.

Le immagini del degrado in corso nelle barriere coralline vicino alla capitale filippina, Manila, sono state riprese in un video dalla Bbc. I gruppi ambientalisti, riferisce l’emittente britannica, avvertono che la plastica contenuta all’interno delle mascherine si sta rompendo e viene consumata dalla fauna marina. Un monito a migliorare la gestione dei rifiuti sanitari, per prevenire un ulteriore inquinamento dei mari. 

Sono state prodotte nel 2020 circa 52 miliardi di mascherine usa e getta in tutto il mondo, un’attività che è andata avanti anche in questo primo periodo del 2021. Una semplice mascherina può impiegare fino 450 anni per decomporsi.

Covid-19, quanto tempo impiegano mascherine e guanti a decomporsi?

C’è il rischio che gli animali marini possano restare impigliati nelle mascherine o che possano inghiottirle dato che mentre galleggiano sulle acque sembrano proprio delle meduse o altre creature simili. Inoltre le mascherine con il passare del tempo possono dare vita a microparticelle plastiche.

Queste ultime danneggiano gli habitat marini che diventano, con il passare del tempo, sempre più sterili e vengono ingerite con estrema facilità dagli animali. Sui social nelle ultime settimane è circolato anche un post per invitare tutti a tagliare gli elastici delle mascherine una volta usate e prima di essere differenziate: quegli elastici potrebbero essere delle trappole mortali per gli animali. 

(Visited 52 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago