AttualitàClima

Fico: “il cambiamento climatico è questione urgente da affrontare. Parlamenti fondamentali”

Condividi

“I Parlamenti possono giocare un ruolo fondamentale per conseguire davvero gli obiettivi dell’Accordi di Parigi”. A dirlo è il Presidente della Camera, Roberto Fico, nel corso del suo intervento alla Conferenza Mondiale dei Presidenti di Parlamento a Vienna.

“Le nostre assemblee, in quanto rappresentative direttamente dei cittadini – ha spiegato ancora Fico – possono infatti, da un lato, esercitare la pressione politica adeguata a produrre le riforme necessarie; dall’altro, proporre le soluzioni migliori per garantire che la transizione energetica sia attuata senza lasciare nessuno indietro, senza produrre vincitori e perdenti di questa enorme sfida. Credo quindi sia fondamentale che i negoziati governativi nell’ambito della conferenza sul clima siano accompagnati anche da una sede di indirizzo e dibattito sul piano parlamentare”.

Vaccini, appello di 1500 Ong per il rinvio della Conferenza Onu sul Clima Cop26

Fico ricorda poi che “gli accordi di Parigi hanno permesso di iniziare un cammino a livello globale di grandissima importanza”.

“Per la prima volta si sono posti obiettivi comuni di riduzione delle emissioni sia ai paesi sviluppati che a quelli in via di sviluppo – ha aggiunto il Presidente della Camera – si tratta di un meccanismo estremamente complesso e che va costantemente verificato nell’ambito delle conferenze annuali fra i paesi che hanno sottoscritto la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico.

Clima, l’allarme di Coldiretti: “In Italia addio a un frutto su quattro”. Gli effetti negativi sulla spesa

Il cambiamenti climatico è una questione urgente da affrontare e “se vogliamo veramente evitare che crisi così catastrofiche come la pandemia si ripetano – ha detto Fico – dobbiamo mettere in sicurezza il pianeta con politiche in grado di evitare un uso dissennato delle risorse naturali, assicurare la protezione dell’ambiente, garantire una distribuzione più equa del benessere fra tutti i popoli della terra”.

“Ma perché non si rimanga solo nel campo delle buone intenzioni – ha ammonito – dobbiamo partire dalla consapevolezza che i diversi paesi del mondo hanno differenti gradi di sviluppo e che possono contribuire con modalità e tempistiche diverse a raggiungere alcuni grandi obiettivi comuni. Per arrivare a dare risposta alle questioni globali non vi è pertanto altra strada che accordi multilaterali volti a porre a tutti i paesi precisi parametri da raggiungere in tempi anch’essi predefiniti. Fra le più gravi questioni ambientali il cambiamento climatico è
forse quella più urgente da affrontare. Lo è perché se non interveniamo efficacemente e tempestivamente per ridurre il riscaldamento globale rischiamo di trovarci assai presto di fronte ad una situazione irreversibile dalle conseguenze catastrofiche. Alcuni effetti dell’innalzamento delle temperature sono già sotto i nostri occhi: fenomeni
metereologici estremi, inondazioni, desertificazione di interi territori, crisi alimentari, migrazioni forzate”.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago