Roma e Dintorni

Festival del Wellness Roma, tre giornate dedicate a salute, benessere e sostenibilità

Condividi

Si è conclusa la prima edizione romana del Festival del Wellness dal 26 al 28 ottobre presso la Nuova Fiera di Roma. Ospite nell’ultima giornata il ginnasta Igor Cassina, campione olimpico nella specialità della sbarra.

Una kermesse nata per promuovere al meglio una visione del benessere a 360°e con l’obiettivo di migliorare lo stile di vita sia a livello individuale che collettivo in senso globale.

Migliorare il proprio stile di vita non significa considerare solo alcune aree, ma prenderle in esame tutte quante, poiché la migliore comprensione che possiamo avere per ciascuna è possibile solamente se riconosciamo la sua appartenenza in ciascuna delle altre.

PRIMA GIORNATA FESTIVAL DEL WELLNESS

Festival del Wellness Roma, promuovere il benessere a 360°

Il concept tradizionale di fiera si integra dunque con quello dell’ “Action Living”, ovvero veicolare informazioni attraverso modalità comunicative dinamiche, facilitando il dialogo tra le aziende ed i visitatori più esigenti.

SECONDA GIORNATA FESTIVAL DEL WELLNESS

Roma, al Festival del Wellness tra gli ospiti arriva l’attrice Claudia Gerini

All’interno del festival tante aree denominate ‘Agorà’ per i settori di AgricolturaEtica&SpiritualitàBioediliziaBeauty&Fashion, Turismo&SPA,  Energia&Ambiente, Medicine&Benessere, Sport&Fitness, al fine di valorizzare le caratteristiche del singolo integrate con le molteplici attraverso la visione estesa di benessere universale, come vuole la filosofia del Festival stesso. Quindi le aree si compenetrano generando un sistema energetico che si autoalimenta continuamente.

Approfonditi temi come la medicina integrata e l’olismo, la bioedilizia e le energie rinnovabili, la cosmesi bio/naturale, l’alimentazione, l’agricoltura e la paesaggistica, l’abbigliamento sostenibile, cura del corpo bio e molto altro.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago