Secondo il quotidiano The Indipendent, la famiglia reale inglese – che da anni si batte per un ambiente più pulito – ha speso circa 13milioni di sterline in voli privati (e inquinanti). 

L’intera famiglia reale inglese – e in particolare la Regina Elisabetta, il figlio Carlo e il nipote William – ha speso circa 13,5 milioni di sterline (più di 16 milioni di euro) in voli privati tra voli charter ​​e viaggi in elicottero.

A denunciare il comportamento poco green della royal family è stato il quotidiano britannico The Indipendent che ha sottolineato come le prese di posizione dell’intera famiglia – soprattutto quelle durante la Cop26 dello scorso novembre – nei confronti dei leader mondiali e l’esortazione a fare di più per il pianeta non siano accompagnate da comportamenti adeguati.

Montagna, gli scienziati bocciano l’utilizzo dei teli geotessili: “Sono parte del problema”

Famiglia reale inglese, troppi voli privati

Il comportamento poco ecosostenibile del Principe Carlo e del primo ministro britannico Boris Johnson (che decisero di raggiungere Glasgow con voli privati) era saltato all’occhio già nei giorni della Conferenza sul clima.

Ma pare che il comportamento poco attento all’ambiente dei reali non sia una novità. L’Indipendent ha fatto fare i conti ad alcuni esperti che hanno scoperto che ogni volo privato scelto dalla famiglia britannica è accompagnato da un livello di inquinamento 14 volte maggiore di quello di volo pubblico, quindi con altri passeggeri.

“Per ogni miglio che percorri, prendere un volo è molte volte più inquinante di altri mezzi di trasporto e un jet privato è molte volte più inquinante di un volo di linea”, ha spiegato all‘Indipendent Doug Parr, Chief scientist and policy director di Greenpeace Uk.

“I veri cambiamenti di cui abbiamo bisogno per risolvere il problema dell’aviazione – ha continuato il dottor Parr – sono strutturali: rendere le teleconferenze e i viaggi in treno più economici e più facili e determinare i costi per il clima e l’ambiente. Tuttavia, chiunque voglia essere visto come un modello ambientale dovrebbe dare un’occhiata da vicino all’uso del proprio jet privato”.  

Il Covid ci ha distratti dalla crisi ambientale, almeno sui social

Articolo precedenteAgroalimentare, 30% lavoratori in quarantena – Agrifood Magazine
Articolo successivoTaranto, Comitato cittadino: “Rapporto dell’Oms costituisce notizia di reato”