AttualitàInquinamento

Ex Ilva, Tar Lecce ordina stop impianti. Sindaco Taranto: “Draghi convochi accordo programma”

Condividi

Ex Ilva. “Taranto oggi si è liberata. È una giornata che segna lo spartiacque. Tutto quello che abbiamo detto, trova delle conferme . Questa città non vuole più convivere con quel tipo di produzione. Questo non significa chiudersi a qualunque attività industriale ma porre delle priorità”.

È il commento del Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, sulla sentenza del Tar di Lecce – pubblicata oggi – secondo la quale ArcelorMittal ha 60 giorni per fermare gli impianti che sono fonte di inquinamento.

Il Tar ha respinto i ricorsi presentati sia da ArcelorMittal (gestore in fitto dell’impianto), che da Ilva in amministrazione straordinaria (ultima proprietaria degli impianti) contro l’ordinanza del sindaco sull’inquinamento risalente al 27 febbraio 2020.

“Papà uccidi il mostro”, il corto sul dramma dell’ex Ilva dedicato al piccolo Federico

Rinaldi manda poi un messaggio al neo Presidente del Consiglio Draghi: “io sono sicuro che tra le priorità del presidente Draghi, al quale mandiamo un sincero augurio di buon lavoro, ci possa essere la convocazione di un tavolo per l’accordo di programma sul Siderurgico per evitare conseguenze più complesse da gestire di quanto già non lo siano, come rilevato da questa sentenza”.

Il sindaco tarantino ha ricordato come il neo premier abbia dichiarato che il suo sarà un governo ambientalista e che “il Paese si propone di recuperare il suo ruolo di autorevolezza e di guida morale in Europa per un nuovo umanesimo. E questo richiama la priorità della salute, dei diritti fondamentali che hanno un richiamo forte in questa sentenza. Credo che non sia una finzione politica il messaggio di un ministero nuovo per la transizione ecologica al di là del
fatto che il Mise abbia mantenuto competenze specifiche sulla materia”.

Draghi, il neo Governo giura al Quirinale

“I principi della sentenza – ha spiegato Melucci – richiamano la transizione tecnologica ed ecologica. E ignorare quei principi significa anche creare tanta preoccupazione, tanta confusione nei lavoratori, nelle loro famiglie, e noi vogliamo ovviamente che loro su quel tavolo siano i protagonisti. Vogliamo che quello sia il tavolo dove tutte le istituzioni si prendono la responsabilità di tracciare una prospettiva”.

“Credo che il presidente Emiliano – ha concluso Melucci – abbia già fatto i passaggi informali per dichiarare la nostra volontà, in un clima assolutamente costruttivo e pacificato, di fare con il nuovo governo una valutazione intorno al futuro dello stabilimento siderurgico”.

(Visited 34 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago