eurovision extinction rebellion maneskin

Alcuni sosia del gruppo detentore del titolo musicale europeo si sono incatenati davanti all’Eurovillage con uno striscione eloquente.

Eurovision, il blitz di Extinction Rebellion per sensibilizzare sulla crisi del clima e sulla necessità di salvare la Terra. Due giorni fa, a Torino, davanti all’Eurovillage al Parco del Valentino, alcuni attivisti si sono travestiti da Maneskin. Vestiti e truccati come il gruppo romano che lo scorso anno vinse Sanremo e l’Eurovision, portando così la gara di quest’anno in Italia, gli attivisti si sono incatenati e hanno scelto uno striscione piuttosto eloquente.

Zitti e buoni verso l’estinzione“, recita lo striscione affisso dagli attivisti, che riprende ovviamente il brano vincitore dell’edizione passata. “Invitiamo artisti e pubblico a non stare zitti e buoni mentre il Pianeta va verso il collasso, ma di far sentire la propria voce e chiedere ai Governi di agire immediatamente” – rivendica Extinction Rebellion – “Gli attivisti a volte sono presentati come radicali, ma i veri pericolosi radicali sono coloro che stanno aumentando le emissioni. In questo scenario, azioni di disobbiedenza civile come questa sono giuste e necessarie“.

L’azione di Extinction Rebellion si inserisce all’interno della campagna internazionale “Music Declares Emergency” , nata nel 2019 a Londra e rilanciata dagli attivisti di Torino in occasione di Eurovision.

Articolo precedente“Anni interessanti. Momenti di vita italiana 1960-1975″, la mostra inaugurata al Museo di Roma in Trastevere
Articolo successivoStudioNews, speciale Eurovision Song Contest dal Palazzo della Regione Piemonte