Politica

Europa, via libera al Piano Green, nonostante l’opposizione della Polonia

Condividi

Primo esito positivo per le votazioni del Parlamento Europeo sul Piano Verde, nonostante i dubbi di alcuni paesi e l’opposizione convinta della Polonia, che è ancora fermamente legata ai combustibili fossili.

Dopo tante promesse sono partite le votazioni preliminari per l’approvazione dei Piano Verde europeo, quello che dovrebbe portare le nazioni dell’ UE all’azzeramento di emissioni entro il 2050. Per la cancelliera tedesca Angela Merkel ora c’è una «buona prospettiva di successo» nell’obiettivo dell’Unione europea di assumere la leadership nella lotta ai cambiamenti climatici per cercare di coinvolgere i  grandi inquinatori mondiali come Stati Uniti, Cina e Russia.

Europa, Ursula Von der Leyen: “Il nostro Green Deal salverà il pianeta”

La Polonia, che ha una forte dipendenza energetica dal carbone e vorrebbe rinviare fino al 2070, si è chiamata fuori dal pur generico accordo preliminare e ha spostato il riesame della sua situazione nel giugno 2020.

 

Ungheria e Repubblica Ceca, che inizialmente si opponevano in sintonia con la Polonia, sono state convinte anche con la promessa di fondi Ue miliardari per incentivare il passaggio verso le energie pulite. La Commissione europea di Ursula von der Leyen, che ha messo a disposizione dei governi le sue proposte tecniche, prevede 35 miliardi elevabili a 100 con interventi di privati e della banca comunitaria Bei. La Polonia avrebbe fatto trapelare sue richieste finanziarie molto più elevate. Le somme complessive del progetto per il clima verranno comunque definite quando sarà concluso il non facile negoziato sul prossimo bilancio comunitario 2021-2027.

Elezioni, continua l’onda Green in Europa: boom dei Verdi in Svizzera

Gli ambientalisti di Greenpeace hanno appeso striscioni di protesta sul palazzo della riunione dei leader, lamentando che l’iniziativa dell’Ue fa «troppo poco e troppo tardi». Il presidente francese Emmanuel Macron ha ammesso che non c’è da «perdere tempo». Il premier Giuseppe Conte ha condiviso l’obiettivo della neutralità climatica nel 2050. Ma ha rivendicato l’estensione degli incentivi Ue al settore dell’acciaio per utilizzarli nella modernizzazione degli impianti dell’ex Ilva In Italia Greta Thunberg e la folla che l’ha accolta ieri a Torino.

Conte vorrebbe poi che i fondi Ue per far uscire i Paesi dell’Est dal carbone siano aggiuntivi e non prelevati da quelli per la coesione e per l’agricoltura attesi dall’Italia. Contrasti ha creato la richiesta della Repubblica Ceca di continuare a usare l’energia nucleare, appoggiata dalla Francia (che intende mantenere le sue centrali nucleari). Germania e Austria vorrebbero invece eliminare questo settore considerato non sicuro.

Ue, Ursula Von der Leyen eletta presidente della Commissione: “Presenterò un accordo verde”

Il prossimo punto difficile da concordare appare l’aumento della riduzione delle emissioni di CO2 entro il 2030 — dall’attuale 40 per cento— che non sembra gradito da molte industrie europee inquinanti.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago